Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:42
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Siria, l’ex sindaco di Kobane: bombardata una chiesa al confine con la Turchia

Immagine di copertina
Credit foto: AFP

Colpito un luogo di culto nel villaggio di Tall Jihan. Migliaia di civili sono in fuga dall'area

Siria Turchia, bombardata una chiesa

Non si fermano gli attacchi della Turchia in Siria: le forze aeree di Ankara hanno bombardato una chiesa nel villaggio di Tall Jihan, nel nord della Siria, a pochi chilometri dal confine turco.

È quanto ha confermato all’agenzia di stampa Agi Anwar Muslem, ex sindaco di Kobane e attuale presidente della Federazione della Siria del Nord. È stato colpita la chiesa della Vergine Maria che ospitava i fedeli della confessione ortodossa siriaca. “Il raid sulla chiesa c’è stato ma non sappiamo ancora se vi siano vittime”, ha spiegato Muslem. “Migliaia di civili sono in fuga dall’area”, ha aggiunto.

L’attacco della Turchia in Siria contro i curdi: le notizie di oggi, 11 ottobre

Chieste sanzioni per Ankara

Si parla in queste ore della possibilità di sanzioni alla Turchia. Al Consiglio europeo se ne parlerà la prossima settimana, come ha annunciato la viceministra per gli Affari europei francese,
Amelie de Montchalin. E anche negli Stati Uniti la deputata repubblicana, Liz Cheney, è pronta a presentare una legge che prevede sanzioni per Ankara dopo l’attacco alle milizie curde.
Secondo l’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria, l’avanzata turca prosegue lenta. I militari del presidente Erdogan hanno conquistato finora undici località minori a est dell’Eufrate. Mentre migliaia di persone fuggono dalle zone di battaglia.

Ieri il ministro degli Esteri italiano ha convocato alla Farnesina l’ambasciatore turco in Italia Murat Salim Esenli.

“Siamo scioccati e delusi dalle dichiarazioni del governo italiano”, perché “non è ciò che ci aspettiamo da un alleato” e “lo siamo egualmente per altri Paesi alleati”, ha detto l’ambasciatore di Turchia in Italia, in conferenza stampa all’ambasciata a Roma.

“L’Italia per noi è un partner strategico e per questo abbiamo aspettative e abbiamo consultazioni politiche regolari, a livello ministeriale e di segretari generali”, ha spiegato. “Spero che il governo dell’Italia, ad alti livelli, capisca da dove veniamo” e “perché stiamo facendo quest’operazione”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Italia, Giappone e Regno Unito sviluppano un nuovo aereo da guerra: sarà più potente degli F-35
Esteri / Proteste in Iran, la denuncia dei medici: “Le donne vengono colpite al volto, al seno e ai genitali”
Esteri / L’Europa si appresta a varare le regole sull’idrogeno verde: ecco perché le lobby sono già in agitazione
Ti potrebbe interessare
Esteri / Italia, Giappone e Regno Unito sviluppano un nuovo aereo da guerra: sarà più potente degli F-35
Esteri / Proteste in Iran, la denuncia dei medici: “Le donne vengono colpite al volto, al seno e ai genitali”
Esteri / L’Europa si appresta a varare le regole sull’idrogeno verde: ecco perché le lobby sono già in agitazione
Esteri / Libera la cestista statunitense Brittney Griner: scambio di prigionieri con la Russia
Esteri / Iran, primo manifestante giustiziato dall'inizio delle proteste
Esteri / Putin rilancia l’allarme nucleare e ammette: “L’operazione in Ucraina potrebbe essere lunga”
Esteri / Caos in Perù: il Parlamento destituisce Castillo dopo il tentativo di sciogliere l’assemblea. Il presidente arrestato
Esteri / Guerra in Ucraina, Putin: “La Russia è pronta a difendersi con ogni mezzo”. Cresce la minaccia nucleare
Esteri / Il Time sceglie Zelensky come “persona dell’anno” per il 2022
Economia / La Francia vieta i voli brevi: via libera dell’Ue, ma solo se c’è il treno. In Italia a rischio tre tratte