Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Siria, l’ex sindaco di Kobane: bombardata una chiesa al confine con la Turchia

Immagine di copertina
Credit foto: AFP

Colpito un luogo di culto nel villaggio di Tall Jihan. Migliaia di civili sono in fuga dall'area

Siria Turchia, bombardata una chiesa

Non si fermano gli attacchi della Turchia in Siria: le forze aeree di Ankara hanno bombardato una chiesa nel villaggio di Tall Jihan, nel nord della Siria, a pochi chilometri dal confine turco.

È quanto ha confermato all’agenzia di stampa Agi Anwar Muslem, ex sindaco di Kobane e attuale presidente della Federazione della Siria del Nord. È stato colpita la chiesa della Vergine Maria che ospitava i fedeli della confessione ortodossa siriaca. “Il raid sulla chiesa c’è stato ma non sappiamo ancora se vi siano vittime”, ha spiegato Muslem. “Migliaia di civili sono in fuga dall’area”, ha aggiunto.

L’attacco della Turchia in Siria contro i curdi: le notizie di oggi, 11 ottobre

Chieste sanzioni per Ankara

Si parla in queste ore della possibilità di sanzioni alla Turchia. Al Consiglio europeo se ne parlerà la prossima settimana, come ha annunciato la viceministra per gli Affari europei francese,
Amelie de Montchalin. E anche negli Stati Uniti la deputata repubblicana, Liz Cheney, è pronta a presentare una legge che prevede sanzioni per Ankara dopo l’attacco alle milizie curde.
Secondo l’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria, l’avanzata turca prosegue lenta. I militari del presidente Erdogan hanno conquistato finora undici località minori a est dell’Eufrate. Mentre migliaia di persone fuggono dalle zone di battaglia.

Ieri il ministro degli Esteri italiano ha convocato alla Farnesina l’ambasciatore turco in Italia Murat Salim Esenli.

“Siamo scioccati e delusi dalle dichiarazioni del governo italiano”, perché “non è ciò che ci aspettiamo da un alleato” e “lo siamo egualmente per altri Paesi alleati”, ha detto l’ambasciatore di Turchia in Italia, in conferenza stampa all’ambasciata a Roma.

“L’Italia per noi è un partner strategico e per questo abbiamo aspettative e abbiamo consultazioni politiche regolari, a livello ministeriale e di segretari generali”, ha spiegato. “Spero che il governo dell’Italia, ad alti livelli, capisca da dove veniamo” e “perché stiamo facendo quest’operazione”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scandalo dei Facebook Papers parla chiaro: va tolto subito a Zuckerberg il potere sui nostri dati
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Ti potrebbe interessare
Esteri / Lo scandalo dei Facebook Papers parla chiaro: va tolto subito a Zuckerberg il potere sui nostri dati
Esteri / L’Iran annuncia la ripresa dei negoziati sul nucleare a Vienna: “Ripartiranno a novembre”
Esteri / La Corte Ue condanna la Polonia: multa di 1 milione di euro al giorno
Esteri / Afghanistan: 8 fratellini orfani morti di fame. L’allarme di Save The Children: “Paese sull’orlo della carestia”
Esteri / I Maneskin alla conquista degli Usa: apriranno il concerto dei Rolling Stones a Las Vegas
Esteri / Allarme in Europa: rubate le chiavi per generare Green pass. Nel dark web quello “funzionante” di Hitler
Esteri / Scandalo Facebook, Zuckerberg a un passo delle dimissioni
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri