Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:55
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

In Siria regge la tregua e arrivano gli aiuti umanitari nelle zone assediate

Immagine di copertina

Nonostante varie denunce di violazioni, la situazione nel complesso rimane positiva

Le Nazioni Unite sono pronte per iniziare la fornitura di aiuti umanitari alle popolazioni che vivono nelle zone sotto assedio in Siria. La tregua mediata da Russia e Stati Uniti e iniziata a mezzanotte del 27 febbraio per il momento regge, nonostante denunce di violazioni da varie parti. 

Le prime consegne sono previste per le prossime ore e dovranno raggiungere circa 150mila siriani nei prossimi cinque giorni. L’Onu spera di fornire aiuti a un milione e 700mila persone entro la fine di marzo. 

La tregua di due settimane, che però non si applica alla lotta contro il cosiddetto Stato Islamico o il Fronte Nusra, legato ad al-Qaeda, è un’opportunità fondamentale per le Nazioni Unite per raggiungere le zone sotto assedio.  

Un portavoce dei ribelli ha parlato di violazioni “qua e là”, ma la situazione è migliorata. Anche Mosca ha denunciato delle violazioni, ma nel complesso il cessate il fuoco regge. Lo scetticismo però rimane tanto. 

Il coordinatore per gli aiuti umanitari delle Nazioni Unite in Siria, Yacoub el-Hillo, ha definito la tregua “la migliore opportunità che il popolo siriano abbia avuto nel corso degli ultimi cinque anni per la pace e la stabilità duratura”.

L’organizzazione prevede di utilizzare la tregua per fornire cibo, acqua e medicine in città come Madaya, dove i residenti stanno morendo di fame, ma ha fatto sapere di aver bisogno dell’approvazione delle parti in conflitto in Siria prima di poter espandere ulteriormente le sue consegne.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Zaporizhzhia, 40 razzi vicino alla centrale nucleare più grande d’Europa. Aiea: “Rischio di disastro”
Esteri / Raid israeliani su Gaza: sale a 32 il numero dei morti tra cui 6 bambini. Lapid: “Obiettivi raggiunti”
Esteri / Usa, Biden negativo al Covid: “Resterà in isolamento”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Zaporizhzhia, 40 razzi vicino alla centrale nucleare più grande d’Europa. Aiea: “Rischio di disastro”
Esteri / Raid israeliani su Gaza: sale a 32 il numero dei morti tra cui 6 bambini. Lapid: “Obiettivi raggiunti”
Esteri / Usa, Biden negativo al Covid: “Resterà in isolamento”
Esteri / Regno Unito, è morto Archie: i medici hanno staccato le macchine che lo tenevano in vita
Esteri / La tragedia dei “niños robados”: così 300mila bambini sono stati sottratti alle loro madri durante il franchismo
Esteri / Washington: un fulmine cade vicino alla Casa Bianca e uccide tre persone | VIDEO
Esteri / “Ecco perché stiamo facendo il gioco di Putin”: il politologo Santangelo a TPI
Esteri / Il grande risiko dello zar nei Balcani: così Putin sfida la Nato al di là dell’Adriatico
Esteri / Piogge torrenziali in Giappone: esondazioni e dispersi. Evacuate 540mila persone
Esteri / Brittney Griner condannata per droga, Lavrov: “Mosca disponibile a scambio di detenuti con Washington”