Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 18:35
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Siria, continuano i raid su Idlib: 28 persone uccise, 7 sono civili

Immagine di copertina
Immagine di repertorio. Raid governativo contro Idlib. Credit: OMAR HAJ KADOUR / AFP

Siria raid Idlib civili uccisi –Nelle ultime 24 ore 28 persone, di cui 7 civili, sono rimaste uccise a seguito dei raid aerei russi e siriani nel nord-ovest del paese, nella regione di Idlib.

La notizia è stata riportata dall’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus), che basa il suo lavoro sulle informazioni che riceva da fonti attive sul terreno.

L’Ondus ha precisato che i raid sono avvenuti tra Hama e Idlib, una zona che da mesi il presidente siriano Bashar al Assad sta cercando di riconquistare con l’aiuto della Russia, sottraendola al controllo di ribelli e jihadisti supportati a loro volta dalla Turchia.

A riferire dei morti nella regione è stata anche l’agenzia governativa siriana Sana, che ha però parlato di numerosi “terroristi” morti nell’area compresa tra Hama e Idlib.

Siria, cibo è usato come “arma da guerra”: campi di grano dati alle fiamme dall’Isis

La regione di Idlib è l’area maggiormente instabile della Siria dopo la sconfitta dello Stato islamico nel sud est del paese.

Solo ieri, 13 giugno, tre soldati turchi sono stati feriti a seguito di un raid di artiglieria  lanciato dalle forze governative contro una base militare turca tra la regione di Hama e quella di Idlib.  Questo quanto riferito da media turchi.

Idlib

Nella provincia che Assad sta cercando di riprendere hanno trovato rifugio gruppi eterogenei, che vanno dai ribelli anti-Assad che hanno preso le armi contro il governo fin dall’inizio della rivolta fino ai jihadisti di Hay’et Tahrir al-Sham (HTS) appoggiati  dalla Turchia.

Dal 15 settembre vige una situazione di stallo nella regione, da quando Mosca – alleato del presidente siriano Bashar al Assad –  e Ankara hanno firmato un accordo per la creazione di una de-escalation zone di 15-20 chilometri intorno alla provincia.

La tregua però è stata infranta più volte e dal 30 aprile i raid delle forze governative e russe nella zona sud della provincia si sono intensificati, tanto da far pensare ad una imminente offensiva contro Idlib.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Ti potrebbe interessare
Esteri / La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte