Siria, morto un rifugiato al confine tra Turchia e Grecia | VIDEO

Un rifugiato siriano di Aleppo è stato ucciso dalla polizia greca mentre cercava di entrare in Grecia

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 2 Mar. 2020 alle 17:29 Aggiornato il 2 Mar. 2020 alle 17:35
766
Immagine di copertina

La situazione al confine tra Turchia e Grecia si fa insostenibile. Da quando la Turchia ha dichiarato di non poter gestire la quantità di persone che fuggono dalla guerra in Siria, aprendo così i confini verso la Grecia, migliaia di migranti hanno provato a intraprendere il viaggio per raggiungere l’Europa. Ottantamila hanno già superato il confine, mentre altri 173.000 sono bloccati tra Turchia e Grecia, in una morsa dove la polizia greca si fa sempre più aggressiva per contenere gli ingressi.

Secondo il ministero delle migrazioni di Atene, la polizia greca avrebbe finora bloccato al confine 9.600 migranti.

Oggi, lunedì 2 marzo, un rifugiato siriano è stato ucciso dalla polizia greca mentre cercava di entrare in Grecia a seguito dell’alleggerimento dei confini turchi per permettere ai siriani in fuga di raggiungere l’Europa.

Si tratta di Ahmed Abu Emad, un rifugiato siriano di Aleppo, che è stato colpito alla gola dalle forze di sicurezza greche ed è morto in seguito alla ferita riportata questa mattina. A dare la notizia è anche un giornalista inviato sul campo della Bbc.

Emad era uno delle centinaia di migliaia di rifugiati che stanno tentando di attraversare il confine nella speranza di cominciare una nuova vita in Europa. Il suo corpo è stato riportato in Turchia.

A Lesbo, invece, un bambino è morto durante il tentativo di sbarco di un gruppo di migranti a Mitilini.

Leggi anche:

Siria, la Turchia apre i rubinetti: più di 80mila migranti hanno attraversato il confine verso l’Europa

766
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.