Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Siria, in due settimane oltre 235mila civili sono fuggiti nella provincia di Idlib

Immagine di copertina

Il dato fornito dall'Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari

Siria, oltre 235mila civili fuggiti ad Idlib

In Siria oltre 235 mila civili sono fuggiti nella provincia di Idlib in sole due settimane, da quando si sono intensificati gli attacchi delle forze governative nell’area. È il dato fornito ieri, venerdì 27 dicembre, dall’agenzia umanitaria dell’Onu (Ocha).

Stando a quanto descritto dall’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari le persone sono in fuga da Maaret al-Numan, cittadina nel nord-ovest della Siria controllata da milizie ribelli e qaediste, che nelle ultime due settimane è stata colpita da un’offensiva delle forze governative appoggiate dalla Russia.

Secondo l’Ocha, la cittadina, situata in una zona strategica nel sud della provincia di Idlib, è ormai “quasi vuota”, mentre gli sfollati, che si dirigono verso nord, “hanno urgente bisogno di sostegno umanitario, particolarmente alloggi, cibo e assistenza sanitaria”. Le temperature rigide inoltre – ha aggiunto l’agenzia dell’Onu – “aumentano la vulnerabilità” della popolazione in fuga.

siria civili in fuga
Maaret al-Numan. Mappa da Google Maps

Il governo siriano di Bashar al-Assad, che controlla circa il 70 per cento del Paese, ha ripetutamente promesso di riprendere il controllo di Idlib. Attualmente ci sono circa 3 milioni di civili che vivono nella provincia, compresi molti che erano già fuggiti dalla violenza in altre parti della Siria durante la lunga guerra civile.

Una nuova ondata di bombardamenti aerei è iniziata intorno al 16 dicembre, poi seguita da un’offensiva di terra del 19 dicembre. Nella provincia di Idlib le truppe siriane e i sostenitori stranieri stanno prendendo di mira le città di Maaret al-Numan e di Saraqeb, che si trovano su un’autostrada che collega Aleppo con la capitale Damasco.

Leggi anche:
ESCLUSIVO TPI: Mohamed era partito dall’Italia per unirsi all’Isis, ora è ricercato ma vuole tornare a casa. “Non ho mai combattuto, fatemi rientrare, sono pentito”
Siria, 5 bambini uccisi in un raid su Idlib: “Sono stati aerei russi”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Siberia, cinque ragazzi trovano e salvano una bambina appena nata abbandonata a -20 gradi
Esteri / Francia, la proposta shock del candidato Zemmour: “Scuole separate per studenti disabili”
Esteri / Djokovic espulso dall’Australia, il presidente serbo: “Trattato come un assassino seriale”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Siberia, cinque ragazzi trovano e salvano una bambina appena nata abbandonata a -20 gradi
Esteri / Francia, la proposta shock del candidato Zemmour: “Scuole separate per studenti disabili”
Esteri / Djokovic espulso dall’Australia, il presidente serbo: “Trattato come un assassino seriale”
Esteri / “Il futuro dipende dai non vaccinati, salveranno l’umanità”: l’ultima teoria folle del Nobel Montagnier
Esteri / Djokovic, appello respinto: sarà espulso dall’Australia. “Deluso dalla sentenza”
Esteri / Proteste in Kazakistan, aggiornato il bilancio dei morti: sono 225
Esteri / Come in un film, dottoressa fa nascere una bambina in volo: “Si chiama Miracolo”
Esteri / Eruzione del vulcano sottomarino Hunga Tonga-Hunga Haʻapai, ora è allarme tsunami | VIDEO
Esteri / Novak Djokovic nuovamente in stato di detenzione al Park Hotel. Stanotte decisione definitiva sull’esplusione
Esteri / Stati Uniti, dura accusa alla Russia: “Ha inviato commando in Ucraina per dare il pretesto all’invasione”