Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Oltre 700 sindaci della Catalogna hanno manifestato a favore del referendum sull’indipendenza

Immagine di copertina

La manifestazione è avvenuta dopo la dura presa di posizione da parte del governo di Madrid che osteggia il referendum per l’indipendenza, definendolo “illegale”

“Noi voteremo”. Questo è lo slogan che gli oltre 700 sindaci della Catalogna hanno urlato durante una manifestazione per l’indipendenza tenutasi a Barcellona il 16 settembre 2017.

Il corteo di sindaci si è riunito per riaffermare la volontà di far tenere il referendum per l’indipendenza della Catalogna, regione del nordest della Spagna, previsto per il prossimo primo ottobre.

La manifestazione, alla quale hanno partecipato oltre 700 sindaci (su un totale di 948 sindaci in carica nella regione), è avvenuta dopo la dura presa di posizione da parte del governo di Madrid che osteggia il referendum per l’indipendenza, definendolo “illegale”.

La Corte costituzionale spagnola aveva infatti sospeso la cosiddetta “Ley de transitoriedad”, legge catalana che definisce il nuovo assetto giuridico della regione nel caso dovesse diventare uno stato indipendente.

Le autorità spagnole, oltre ad aver ordinato alla polizia catalana di sequestrare qualsiasi tipo di materiale che potrebbe essere usato per la campagna referendaria, ha anche vietato ai sindaci di mettere a disposizione edifici pubblici per il voto di ottobre.

Inoltre, il ministro delle Finanze e della Pubblica Amministrazione, Cristóbal Montoro, ha fatto sapere che il governo dispone di un nuovo sistema di monitoraggio che controlla la spesa pubblica della regione. Questo permette di verificare che “nemmeno un euro” possa servire all’organizzazione del referendum.

In caso di uso dei conti correnti pubblici da parte del governo regionale, al fine di finanziare la consultazione del primo ottobre, il governo spagnolo si vedrebbe costretto a prendere il controllo delle finanze catalane.

Il primo ministro spagnolo Mariano Rojoy si è rivolto ai catalani invitandoli di boicottare il voto. La dura linea intrapresa dal governo di Madrid, però, ha provocato l’altrettanto dura risposta dei catalani.

Insieme agli oltre 700 sindaci radunati nella centralissima Plaça Sant Jaume del capoluogo catalano, il presidente regionale Carles Puigdemont, accompagnato dalla sindaca di Barcellona Ada Colau, nel suo intervento ha risposto al premier spagnolo dicendo di “non sottovalutare la forza del popolo catalano”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, sparatoria in una scuola del Michigan: 15enne apre il fuoco sui compagni. Morti 3 studenti
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, sparatoria in una scuola del Michigan: 15enne apre il fuoco sui compagni. Morti 3 studenti
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi