Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:48
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Sette militanti dell’Isis e due poliziotti turchi uccisi in Turchia

Immagine di copertina

La polizia turca ha condotto un raid contro una cellula del sedicente Stato islamico a Diyarbakir nel sudest del Paese

La polizia turca ha ucciso sette militanti dell’Isis in un raid contro alcune abitazioni utilizzate come basi delle operazioni in Siria da una delle cellule del sedicente Stato islamico a Diyarbakir, in Turchia, la mattina del 26 ottobre. 

Il vice primo ministro della Turchia Numan Kurtulmus ha dichiarato che nel raid sono morti anche due poliziotti turchi, a causa di un’esplosione innescata dalla loro irruzione in una delle case.

Circa 12 persone sospettate di essere militanti dell’Isis sono state fermate e cinque poliziotti sono rimasti feriti nel raid.

Secondo il vice primo ministro turco, la polizia ha condotto questa operazione sulla base di informazioni che alcune agenzie di sicurezza turche avrebbero iniziato a raccogliere venerdì 23 ottobre.

Kurtulmus ha anche definito quest’operazione fondamentale, poiché un’importante cellula dell’Isis è stata neutralizzata.

Potrebbe esserci un collegamento tra l’operazione di questa mattina e l’attacco terroristico che causò la morte di 102 persone ad Ankara sabato 10 ottobre.

Il governo turco è stato più volte accusato di aver ignorato le cellule dell’Isis presenti in Turchia e le critiche sono aumentate dopo la diffusione della notizia che uno dei terroristi dell’attacco di Ankara fosse noto alle autorità come potenziale attentatore suicida. 

Il Presidente Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato che ci sarebbe un insieme di gruppi terroristici, tra cui Isis, i ribelli curdi in Turchia e altri, dietro all’attacco di Ankara, ma molti analisti trovano improbabile che sia effettivamente così, dato che diverse vittime dell’attentato erano proprio attivisti curdi.

Il vice primo ministro Numan Kurtulmus ha riferito che le autorità stanno cercando di identificare i militanti uccisi nell’operazione di questa mattina per poter stabilire se vi siano dei collegamenti tra loro e i militanti del sedicente Stato islamico presenti in altre città turche.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Ti potrebbe interessare
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Esteri / La disperata fuga in auto sulle strade del Donbass tra le bombe dei russi
Esteri / Guerra in Ucraina, Lavrov, il piano di pace italiano "non è serio". L'Italia revoca 4 onorificenze ai russi "per indegnità"
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”
Esteri / Elon Musk sulla crisi demografica in Italia: “Se continua così non ci saranno più italiani”
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Esteri / Strage in Texas, la rabbia del coach Nba Steve Kerr che irrompe in conferenza stampa: “Non parlerò di basket”