Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:39
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Sequestrati 68 felini alla coppia del programma Netflix “Tiger King”: violate leggi su benessere animali

Immagine di copertina

Sessantotto grandi felini, tra cui leoni e tigri, sono stati sequestrati in Oklahoma a Jeff e Lauren Lowe, protagonisti del noto programma Netflix “Tiger King“. I due sono accusati di violare le leggi statunitensi che tutelano le specie minacciate a rischio di estinzione e il benessere degli animali.

I funzionari federali del Dipartimento di Giustizia Usa hanno provveduto al sequestro di 7 leoni, 46 tigri, 15 ibridi leone-tigre e un giaguaro. Negli ultimi vent’anni, gli ispettori avevano sottoposto lo zoo a tre controlli, segnalando più volte la mancata cura degli animali. Molti di questi presentavano disturbi ossei dovuti alla carenza di calcio dovuta al consumo di carne disossata e macinata.

La coppia è stata ripetutamente accusata di “non aver fornito agli animali cure veterinarie adeguate o tempestive, un’alimentazione appropriata e un riparo che li proteggesse dalle intemperie e fosse di dimensioni sufficienti per consentire loro di assumere un comportamento normale”, come si legge in un comunicato stampa del Dipartimento di Giustizia.

Dal momento che non ha eseguito gli ordini del tribunale, che imponevano di assumere un veterinario qualificato per garantire che i felini potessero ricevere i livelli di cura richiesti dalla legge, la coppia si è resa responsabile di oltraggio della corte.

Durante le ispezioni, i Lowe avevano vessato i funzionari governativi, con la signora Lowe che a un certo punto aveva minacciato di uccidere un ufficiale della fauna selvatica. “La dichiarazione è stata particolarmente intimidatoria perché l’ex socio in affari di Tiger King sta scontando una pena in carcere per aver assunto un sicario per assassinare un rivale in un altro Stato”, si legge in una dichiarazione giurata federale.

Il riferimento è a Joe Exotic, il cui vero nome è Joseph Maldonado-Passage. Si tratta dell’ex socio in affari di Lowe e protagonista dello show di successo, che sta attualmente scontando una condanna a 22 anni per aver commissionato l’omicidio di Carole Baskin, attivista e fondatrice del ‘Big Cat Rescue‘, un santuario per animali della Florida, oltre che per 19 capi d’imputazione legati al maltrattamento e all’uccisione di animali.

Leggi anche: Perché non dovremmo guardare Tiger King

Ti potrebbe interessare
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Ti potrebbe interessare
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari
Esteri / “Giulio Regeni ucciso per una rivalità tra servizi segreti”: le rivelazioni di un’inchiesta francese
Esteri / Comprò voti per portare le Olimpiadi a Rio de Janeiro: Nuzman condannato a 30 anni di carcere
Cronaca / Russia, incidente in una miniera di carbone in Siberia: 52 morti
Esteri / Covid, la nuova variante Omicron è arrivata in Europa: primo caso rilevato in Belgio