Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:19
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Scozia, vietato dare schiaffi ai figli: la proposta di legge dei Verdi

Immagine di copertina

Anche quando si comportano male, gli scapaccioni e qualunque altra forma di castigo fisico saranno banditi

Scozia, vietato dare schiaffi ai figli: la proposta di legge

In Scozia sarà vietato dare schiaffi ai figli. Anche quando si comportano male, gli scapaccioni e qualunque altra forma di castigo fisico saranno banditi. Una normativa ad hoc è stata infatti presentata al Parlamento locale di Edimburgo dal governo guidato dalla first minister Nicola Sturgeon, il cui partito controlla agevolmente l’assemblea.

Pare quindi probabile che la Scozia riesca a mettere al bando a breve gli schiaffi ai figli. E si tratta del primo territorio del Regno Unito deciso a vietare le punizioni corporali, tradizione mai del tutto estirpata del sistema scolastico britannico come del retaggio familiare.

Finora, la legge autorizzava un uso “ragionevole” della forza in famiglia per educare e castigare i figli. Una circostanza che si presenta uguale nel resto del Regno.

La proposta di legge per cui sarà vietato in Scozia dare schiaffi ai figli è stata promossa da un deputato Verde, John Finnie, e ha il sostegno di laburisti e liberaldemocratici, oltre che dello Scottish National Party (Snp) di Sturgeon e di alcune ong per la tutela dell’infanzia. Contrari sono invece i Tory locali, come pure – stando ai sondaggi – una maggioranza popolare di scozzesi.

Nel mondo sono più di 50 i paesi che hanno vietato per legge le punizioni corporali ai figli, includendo qualsiasi gesto dalla sculacciata allo schiaffo. Il primo paese a scegliere la via della “non violenza” nell’educazione dei bambini fu la Svezia. Nello Stato dell’Europa del Nord, il diritto dei genitori a sculacciare i propri figli è stato rimosso addirittura nel 1966. Inoltre è espressamente e rigidamente proibito dalla legge dal luglio 1979. Di più, durante l’estate del 2011 è stato proposto l’aumento della pena prevedendo carcere e multe elevate per chi violi tale legge.

In Italia non esiste un’apposita norma, ma la magistratura, con una sentenza della Corte Costituzionale del 1996, si è espressa contro l’uso di percosse nei confronti dei bambini. Sculacciata compresa.

Catania, prende a schiaffi minore disabile e pubblica il video su Facebook: denunciato 15enne
Ti potrebbe interessare
Esteri / Migranti, ancora tensioni Francia-Italia: “Roma apra i suoi porti alle Ong, altrimenti niente ricollocamenti”
Esteri / Putin alle madri dei soldati russi: “I vostri figli sono eroi”
Esteri / “Tentò di violentarmi in un camerino”: giornalista americana denuncia Trump per violenza sessuale e diffamazione
Ti potrebbe interessare
Esteri / Migranti, ancora tensioni Francia-Italia: “Roma apra i suoi porti alle Ong, altrimenti niente ricollocamenti”
Esteri / Putin alle madri dei soldati russi: “I vostri figli sono eroi”
Esteri / “Tentò di violentarmi in un camerino”: giornalista americana denuncia Trump per violenza sessuale e diffamazione
Esteri / Criticava il regime sui social, arrestato in Iran l’ex star della nazionale Voria Ghafouri
Calcio / Così il Qatar si è “comprato” i Mondiali per spacciarsi come Paese aperto e moderno
Esteri / Esclusivo TPI – Mondiali Insanguinati: ecco le condizioni disumane di lavoro degli operai che hanno costruito gli stadi in Qatar
Esteri / Armi, gas e militari: così l'Italia si inchina all'emiro del Qatar
Esteri / Usa, genitori 24enni partono per New York e lasciano il figlio di 2 anni a casa da solo
Esteri / “Macron indagato per finanziamento illecito”: la rivelazione del quotidiano Le Parisien
Esteri / “Russia stato sponsor del terrorismo”: via libera del Parlamento Ue alla risoluzione