Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:32
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

L’esercito iracheno attacca l’Isis a Falluja

Immagine di copertina

È cominciata l'offensiva per riprendere la roccaforte del'Isis, in mano al gruppo estremista dal gennaio 2014

Le forze regolari irachene si sono scontrate con i miliziani dell’Isis nei pressi di Falluja, mentre hanno cominciato a bombardare il centro della città dando il via all’offensiva per riprendere la roccaforte del gruppo estremista a ovest di Baghdad.

I primi scontri si sono verificati nell’area di al-Hayakil alla periferia meridionale della città. Le truppe stanno anche convergendo sul sobborgo settentrionale di Garma, prima di dirigersi verso il cuore di Falluja.

Raid aerei e colpi di mortaio sono stati diretti durante la notte contro quei quartieri dove si ritiene che il sedicente Stato islamico abbia il suo quartier generale. I bombardamenti si sono attenuati all’alba, quando è iniziata l’offensiva terrestre.

Il portavoce dell’esercito iracheno generale di brigata Yahya Rasul ha dichiarato alla televisione di stato che l’avanzata delle truppe è cauta e fa affidamento sulle squadre di genieri per disinnescare le mine lasciate dai miliziani dell’Isis lungo le strade.

Falluja, situata sulle rive dell’Eufrate a circa 50 chilometri dalla capitale, è stata la prima città a cadere nelle mani del sedicente Stato islamico nel gennaio del 2014. Sei mesi dopo, il gruppo ha fondato il califfato che occupa attualmente larghe porzioni di territorio iracheno e siriano.

Le forze irachene hanno circondato la città lo scorso anno, ma i combattimenti si sono concentrati a nordovest. Le autorità irachene hanno infatti promesso di riprendere Mosul, coerentemente con il piano degli Stati Uniti di espellere l’Isis dalle sue capitali de facto in Iraq e Siria.

L’operazione per riprendere Falluja potrebbe però richiedere settimane e ritardare quindi l’offensiva su Mosul.

Secondo le stime del Pentagono, a Falluja ci sarebbero tra i 500 e i 700 miliziani dell’Isis e circa 100mila civili. Un assedio di sei mesi ha creato gravi carenze di cibo e medicinali, spingendo la città sull’orlo della crisi umanitaria.

Il governo iracheno ha invitato i residenti a lasciare Falluja attraverso i corridoi sicuri aperti per convogliarli verso le aree a sud della città. I residenti del centro si sono invece diretti nelle zone a nord, ma le mine piazzate sulle vie di accesso gli impediscono di uscire dai confini cittadini.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Ti potrebbe interessare
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Esteri / Dalla conversione all’Islam ai precedenti: chi è l’attentatore di Kongsberg armato di arco e frecce
Esteri / Incendio in un grattacielo a Taiwan, almeno 46 morti
Esteri / Libano, violenti scontri a Beirut: almeno 5 morti e 30 feriti
Esteri / Il direttore dell'Oms: "Non esclusa l'ipotesi della fuoriuscita dal laboratorio"