Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Continua lo sciopero dei lavoratori delle raffinerie di petrolio in Francia

Immagine di copertina

Tutti e otto gli stabilimenti del paese sono fermi e due stazioni di servizio su dieci sono rimaste senza benzina

Continua lo sciopero dei lavoratori delle raffinerie di petrolio in Francia. La “Confédération générale du travail” (Cgt) la scorsa settimana ha indetto delle manifestazioni davanti agli stabilimenti per protestare contro la nuova riforma del lavoro voluta dal governo francese.

La riforma fortemente voluta dal presidente della repubblica François Hollande prevede la semplificazione delle regole di assunzione e di licenziamento, una maggiore flessibilità sugli orari di lavoro e la possibilità per la grandi aziende di ridurre i salari.

Tre quarti dei francesi sono contrari alla normativa e vi sono state forti critiche nei confronti del governo per aver fatto ricorso all’articolo 49.3 della costituzione che prevede l’approvazione veloce delle leggi senza passare dal voto del parlamento.

Tutte le otto raffinerie presenti nel paese sono ferme. Di conseguenza, molte aree di servizio francesi sono a corto di benzina. Almeno il 20 per cento è rimasto completamente a secco. La Francia ha quindi dovuto fare ricorso alle scorte di riserva di petrolio per la prima volta dal 2010.

Gli automobilisti, bloccati in lunghe code per fare rifornimento, si sono lamentati: “non c’è più benzina. Sono arrabbiato perché siamo stati presi in ostaggio da questo sciopero, anche se ne capisco il motivo e lo rispetto. Ma per la gente che lavora non è certo facile”.

Intanto continua a salire la tensione. Ieri 24 maggio, la polizia ha disperso i lavoratori che stavano protestando davanti alla raffineria di petrolio di Fons-sur-Mer, nell’area portuale di Marsiglia, usando idranti e gas lacrimogeni.

La Cgt ha quindi rilanciato la sfida al governo francese e vuole estendere lo sciopero ai lavoratori dei porti e alle centrali nucleari. Nonostante queste ultime siano strategiche per il consumo energetico della popolazione, l’estensivo network con i paesi vicini consente alla Francia di non correre pericoli di blackout in caso di sciopero.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Ucraina, Onu: “I negoziati per fermare la guerra sono ancora lontani”
Esteri / Guerra in Ucraina, la Russia schiera missili ipersonici a Kaliningrad
Esteri / Siccità in tutto il mondo: piogge artificiali e razionamenti non bastano
Ti potrebbe interessare
Esteri / Ucraina, Onu: “I negoziati per fermare la guerra sono ancora lontani”
Esteri / Guerra in Ucraina, la Russia schiera missili ipersonici a Kaliningrad
Esteri / Siccità in tutto il mondo: piogge artificiali e razionamenti non bastano
Esteri / Nuova Zelanda, comprano valigie all’asta e trovano i resti di due bambini
Esteri / Sanna Marin scatenata ad un party: la premier finlandese travolta dalle polemiche
Esteri / L'esercito israeliano chiude sei Ong palestinesi etichettate come terroriste: "Attacco alla libertà"
Esteri / La Germania sta finendo il gas e i costi ricadono sui consumatori
Esteri / Kabul, forte esplosione in una moschea: almeno tre morti e decine di feriti
Esteri / Usa, spara nell’appartamento della vicina perché infastidita dal pianoforte: arrestata infermiera
Esteri / La Cina invierà truppe in Russia per esercitazioni militari congiunte