Covid ultime 24h
casi +29.003
deceduti +822
tamponi +232.711
terapie intensive -2

L’influencer Sahar Tabar contrae il Coronavirus: “Costretta a restare in carcere in Iran, non respiro”

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 19 Apr. 2020 alle 08:03
135
Immagine di copertina
Sahar Tabar

Sahar Tabar (vero nome Fatemeh Khishvand), star dei social network nota per i suoi tentativi di voler assomigliare ad Angelina Jolie, ha contratto il Covid-19. A renderlo noto sono stati i suoi avvocati aggiungendo anche che alla loro assistita è stato applicato un ventilatore per aiutare la donna nella respirazione.

I legali hanno inoltre chiesto che la signora Tabar venisse scarcerata, visto il dilagare del virus in Iran. Ciononostante, secondo quel che riferisce il Center for Human Rights nel Paese, la richiesta di concessione della cauzione sarebbe stata rigettata dal giudice. L’avvocato per i diritti umani, Payam Derafshan, tuona: “Troviamo inaccettabile che questa giovane donna abbia contratto il Coronavirus in queste circostanze“.

Tuttavia i funzionari del carcere negano che la stella di Instagram sia stata contagiata dal Covid-19. Secondo loro, quanto stanno sostenendo gli avvocati della celebrità del social network stanno mentendo. La signora Tabar, ragazza di 22 anni, si grida in prigione dallo scorso mese di ottobre. In quel momento è stata arrestata e accusata di molti reati. Tra questi si annoverano quello di blasfemia, di incitamento alla violenza e di incoraggiamento alla corruzione dei giovani. Tutto sarebbe scaturito dal momento in cui Tabar ha pubblicato alcune sue foto scioccanti. In queste immagini la donna, sempre nel tentativo di assomigliare ad Angelina Jolie, sembra essere quasi una sorta di “zombie“. Successivamente si è però scoperto che l’aspetto degli scatti in questione erano frutto di alcune modifiche apportate con software di editing fotografico.

135
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.