Covid ultime 24h
casi +17.455
deceduti +192
tamponi +257.024
terapie intensive +15

Le ruspe militari israeliane radono al suolo un insediamento illegale in Cisgiordania

I coloni di Amona erano stati sgomberati nei giorni scorsi perché le loro abitazioni erano costruite su terreni privati palestinesi

Di TPI
Pubblicato il 6 Feb. 2017 alle 13:18 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 21:20
0
Immagine di copertina

L’esercito israeliano ha completato lo sgombero dell’insediamento illegale di Amona in Cisgiordania e le ruspe militari hanno cominciato lunedì 6 febbraio 2017 lo smantellamento di una quarantina di edifici costruiti su terreni privati palestinesi.

Mercoledì 1 febbraio, quando era cominciato il trasferimento dei coloni ebrei, i soldati avevano incontrato la resistenza di numerosi giovani e si erano verificati degli scontri, nonostante la comunità di Amona, circa 330 persone, avesse accettato di essere ricollocata poco distante dopo una lunga e difficile trattativa con il governo.

Il parlamento israeliano dovrebbe invece votare in seconda e terza lettura (quella definitiva) la legge sulla “legalizzazione” di insediamenti e singole abitazioni costruiti su terre private palestinesi, attraverso la confisca o indennizzi. Nel frattempo il premier israeliano Benjamin Netanyahu è però volato a Londra per incontrare il primo ministro britannico Theresa May, il voto potrebbe quindi essere rimandato.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.