Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 12:46
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Mauricio Macri vince le elezioni presidenziali in Argentina

Immagine di copertina

Il candidato conservatore ha battuto Daniel Scioli esponente del partito al governo di Cristina Fernandez de Kirchner

Il conservatore Mauricio Macri ha vinto le elezioni presidenziali in Argentina con il 51,5 per cento dei voti. Macri, candidato dell’opposizione, ha sconfitto Daniel Scioli, rappresentante del partito al governo di Cristina Fernandez, che ha preso il 48,5 per cento. Scioli ha ammesso la sconfitta.

Si conclude un ciclo di governo da parte della sinistra peronista in Argentina durato 12 anni. Iniziato con l’elezione a presidente di Néstor Kirchner nel 2003, quello che era poi stato chiamato “kirchnerismo”, era continuato con la vittoria alle elezioni presidenziali del 2007 della moglie di Kirchner, Cristina Fernandez.

Mauricio Macri, proviene da una delle famiglie più ricche del Paese ed è figlio di un costruttore edile di origine italiana. Il neo eletto presidente è stato sindaco di Buenos Aires dal 2007 e anche presidente della squadra di calcio Boca Juniors.

La campagna elettorale è stata polarizzata tra i sostenitori dei programmi di welfare portati avanti da Cristina Fernandez e chi denunciava le difficoltà economiche dell’Argentina.

“È una giornata storica”, ha detto Mauricio Macri nel discorso con cui ha annunciato la vittoria. “È l’inizio di una nuova era” ha aggiunto. Il neo eletto presidente ha però messo in guardia i suoi sostenitori “non possiamo risolvere il primo giorno tutti i problemi lasciati da questo governo”.

(Il tweet con cui Mauricio Macri ha annunciato la vittoria alle elezioni argentine)

Quando entrerà in carica il 10 dicembre, Macri si troverà un Paese con un’inflazione vicina al 30 per cento, una crescita vicina allo zero e un’elevata spesa pubblica.

Tra le prime misure che Mauricio Macri ha annunciato ci sarà la rimozione delle leggi per il controllo dei capitali che limitavano l’acquisto di dollari statunitensi. Macri ha anche promesso che abbasserà le tasse, che prenderà provvedimenti per attrarre investitori stranieri e che si impegnerà a risolvere il contenzioso con i creditori statunitensi derivato dalla crisi finanziaria che colpì l’Argentina nel 2001.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Ti potrebbe interessare
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo