Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:09
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

A un passo dalla catastrofe: ecco perché il rischio di disastro nella centrale atomica di Zaporizhzhia resta altissimo

Immagine di copertina
Credit: EPA/YURI KOCHETKOV

È l’impianto nucleare più grande d’Europa e si trova sotto il fuoco incrociato delle truppe russe e ucraine. Ospita una missione permanente dell’Aiea, ma la probabilità di un incidente non è scongiurata. Se i combattimenti dovessero proseguire, potrebbe andare incontro a uno scenario simile a quello di Fukushima

Alla fine anche lultimo reattore è stato spento”. La situazione nella centrale nucleare di Zaporizhzhia, nel sud-est dellUcraina, era diventata talmente pericolosa da indurre lagenzia ucraina Energoatom a interrompere le operazioni dellunico dei sei reattori dellimpianto ancora in funzione portandolo, con il consenso dellAiea, a una più sicura situazione di arresto a freddo”. Ma i continui bombardamenti intorno alla centrale, da sei mesi sotto il controllo dell’esercito russo, potrebbero portare – stando agli esperti – a un disastro nucleare in stile Fukushima.

Da mesi, Kiev accusa Mosca di usare la centrale per immagazzinare armi e lanciare attacchi contro le linee ucraine, sfruttando la riluttanza degli avversari a rispondere al fuoco per evitare di colpire limpianto. Il Cremlino, a sua volta, sostiene che le forze armate ucraine prendano deliberatamente di mira il sito, con lobiettivo di addossare la colpa di un eventuale incidente ai soldati russi. Al momento nessuno è in grado di verificare quale dei contendenti abbia sparato sulla centrale, ma la vicina cittadina di Enerhodar, in mano ai russi, è sottoposta a frequenti attacchi di artiglieria. Fatto sta che più di una volta larea presso lo stabilimento è stata coinvolta negli scontri.

Gli incidenti sfiorati

Il 26 aprile, limpianto è stato sorvolato a bassa quota da due missili guidati russi che poi hanno colpito la città di Zaporizhzhia, a meno di 65 chilometri a nord-est del sito. Il 19 luglio, alcuni droni ucraini hanno attaccato un accampamento russo nella zona di esclusione della centrale, colpendo un lanciarazzi BM-21 (Grad) e provocando un incendio che non ha danneggiato le infrastrutture dellimpianto. A inizio agosto invece, vicino a un quadro elettrico è stata segnalata una serie di esplosioni (la cui origine non è ancora stata chiarita) che ha causato il provvisorio arresto di uno dei reattori in funzione. Inoltre, alcuni razzi sono stati esplosi a una distanza compresa tra i 10 e i 20 metri da un deposito di combustibile nucleare esausto. Intanto, a metà dello scorso mese, le cittadine ucraine di Nikopol e Marhanets, proprio di fronte alla centrale al di là del fiume Dnipro, sono state bombardate per giorni dallartiglieria russa.

A fine agosto, citando fonti ucraine, lAiea ha poi rivelato che i bombardamenti contro limpianto hanno danneggiato un laboratorio e alcune strutture interne al complesso principale dello stabilimento, provocando uninterruzione temporanea dellafflusso di energia elettrica da una vicina centrale termica. Infine, tra il 25 e il 26 agosto, il danneggiamento dellultima linea elettrica collegata allimpianto aveva provocato un blackout che ha portato, per la prima volta nella storia, a scollegare tutti e sei i reattori dalla rete nazionale ucraina, un guasto poi riparato il 27 agosto. Il 29 agosto quindi due colpi di mortaio hanno colpito il tetto di un magazzino di rifiuti nucleari, rischiando di provocare una fuoriuscita di materiale radioattivo. Insomma, per citare un vecchio film, fin qui tutto bene. Ma i rischi sono dietro langolo.

I possibili scenari

A prescindere dal rimpallo delle responsabilità, la Zaporizhzhia NPP resta un obiettivo molto ambito da entrambi i contendenti. Con una capacità di 5.700 megawatt e sei reattori ad acqua pressurizzata VVER, è la centrale più grande dEuropa e garantisce il 20 per cento dell’elettricità totale in Ucraina. Secondo la società di intelligence Janes, sostituire anche solo uno dei reattori dellimpianto costerebbe 7 miliardi di dollari. Non stupisce allora che i russi vogliano mantenere integro lo stabilimento, così come gli ucraini, che se ne perdessero il controllo dovrebbero fare a meno di un quinto dellelettricità generata a livello nazionale. La situazione resta comunque confusa.

Nonostante loccupazione russa, secondo lAiea, il personale ucraino non ha mai lasciato limpianto e la società Energoatom continua a gestire le operazioni. I russi però, accusa Kiev, avrebbero tentato più volte di scollegare la centrale dalla rete ucraina e questo di per sé costituisce un rischio. Se, come spiegato dal direttore generale dellAiea Rafael Grossi, i reattori non sono stati danneggiati e per il momento non sono direttamente a rischio, anche grazie agli spessi sarcofagi di cemento armato che li proteggono (costruiti per resistere a terremoti ed esplosioni), un colpo ai depositi di combustibile o ai magazzini di rifiuti radioattivi potrebbe provocare un incidente nucleare.

In più, come sottolineato sul canale russo RT dallesperto nucleare Valentin Gibalov, il protrarsi degli scontri potrebbe portare a uno scenario simile a quello che nel marzo 2011 colpì la centrale giapponese di Fukushima. Limpianto nipponico sopravvisse a un terremoto di magnitudo 9 sulla scala Richter con epicentro nellOceano Pacifico, ma in seguito fu colpito da uno tsunami che investì larea della centrale. Fu proprio londa anomala a danneggiare i generatori di emergenza che alimentavano le pompe idrauliche, intaccando il raffreddamento del nocciolo e causando un surriscaldamento del reattore e il rilascio di radioattività. Uninterruzione dellelettricità sarebbe preoccupante ma attualmente non è uno scenario impossibile.

Normalmente, limpianto è servito da quattro linee elettriche provenienti dallesterno e da una interna, necessarie ad alimentare i sistemi di sicurezza e di raffreddamento dei reattori. Al momento soltanto due linee funzionano, compresa una di riserva. In caso di guasto o sospensione dellelettricità, il mantenimento in sicurezza dello stabilimento ricadrebbe sui generatori diesel. Nella Zaporizhzhia NPP ce ne sono attualmente 20, con unautonomia di 10 giorni. Tuttavia, se questi venissero danneggiati, si guastassero o finissero il carburante, la totale interruzione dellelettricità provocherebbe larresto dei sistemi di raffreddamento, rischiando potenzialmente una fusione. Ed è proprio per evitare questo scenario che anche lultimo reattore è stato portato in una situazione di arresto a freddo”, che gradualmente riduce sia la temperatura che la pressione e quindi il rischio di fusione. Così la catastrofe è stata evitata, per ora.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Iran, Raisi disperso: il convoglio di elicotteri su cui viaggiava ha avuto un incidente. Mansouri: “Contatto con 2 passeggeri, non è grave”
Esteri / Guerra in Ucraina, Kiev: “I russi hanno perso 10.000 uomini in una settimana”
Esteri / Ultimatum di Gantz a Netanyahu. L’Onu: 800 mila persone in fuga da Rafah. Al Jazeera: 64 morti a Gaza nelle ultime 24 ore
Ti potrebbe interessare
Esteri / Iran, Raisi disperso: il convoglio di elicotteri su cui viaggiava ha avuto un incidente. Mansouri: “Contatto con 2 passeggeri, non è grave”
Esteri / Guerra in Ucraina, Kiev: “I russi hanno perso 10.000 uomini in una settimana”
Esteri / Ultimatum di Gantz a Netanyahu. L’Onu: 800 mila persone in fuga da Rafah. Al Jazeera: 64 morti a Gaza nelle ultime 24 ore
Esteri / Guerra in Ucraina, Mosca: eliminati nel Donbass 125 militari ucraini in 24 ore
Esteri / Televisione israeliana: sospese le trattative su ostaggi. Attaccata petroliera al largo dello Yemen. Idf: "Ucciso Khamayseh"
Esteri / Italia a e 12 Paesi a Israele: “Contrari a operazione a Rafah”. Media palestinesi: "Bombardata scuola a Gaza, quattro morti". Sbarcati primi aiuti Gaza attraverso molo temporaneo Usa
Esteri / Slovacchia, il primo ministro Robert Fico è "grave ma in condizioni stabili"
Esteri / L'esercito israeliano: “5 soldati a Gaza uccisi da fuoco amico”. Altre truppe israeliane verso Rafah
Esteri / Slovacchia, il premier Robert Fico ferito a colpi di arma da fuoco: “È in pericolo di vita”
Esteri / La sacrosanta protesta degli universitari di tutto il mondo ci ricorda che la pace non è un dono, ma una conquista