Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:02
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il Regno Unito vieta le nuove sostanze psicoattive

Immagine di copertina

Il divieto prevede fino a sette anni di carcere per chi produce, distribuisce e vende le cosiddette “legal highs”

Un divieto generale sulla produzione, la distribuzione e la vendita delle nuove sostanze psicoattive è entrato in vigore in Regno Unito, dalla mezzanotte del 26 maggio.

Le cosiddette “legal highs”, sostanze stupefacenti in precedenza legali, prodotte per causare gli stessi effetti di droghe come la cocaina, contengono diversi ingredienti e sono vendute in varie forme (polvere, pillole, liquidi, fumo). Possono avere effetti stimolanti, sedativi e allucinogeni.

Chi fa uso di queste sostanze va incontro a molti rischi per la salute. Fra gli effetti riscontrati, vi sono paranoia, crisi, coma e, in alcuni casi la morte, specie se mischiate tra loro o con l’alcol. In generale, le nuove sostanze psicoattive causano dipendenza.

Nell’ultimo anno, le “legal highs” hanno causato più di 100 morti e un aumento degli attacchi violenti in Regno Unito.

Chi infrangerà la nuova legge (lo “Psychoactive Substances Act”) rischia fino a sette anni di carcere. Tuttavia, fonti di polizia confermano che la legge non è volta alla criminalizzazione dei giovani, il semplice possesso infatti non costituirà reato.

Le forze dell’ordine potranno requisire e distruggere le sostanze e chiudere gli “headshop”, i negozi che fino a oggi potevano vendere legalmente gli stupefacenti.

In molti hanno criticato la normativa, sottolineando che il proibizionismo si è già dimostrato inefficace o dannoso in passato. Il rischio è che il problema non venga risolto, con un netto beneficio per il mercato nero. Tuttavia, la polizia ha stimato una diminuzione di un terzo del consumo totale.

Il Regno Unito è il paese europeo dove i giovani consumano più sostanze stupefacenti in assoluto. Il paese stava affrontando una vera e propria minaccia sanitaria dovuta all’aumento delle vendite delle nuove sostanze psicoattive.

Ti potrebbe interessare
Esteri / La Nato avverte Mosca: “Se Putin usa armi nucleari, conseguenze serie”
Esteri / Brasile al voto, resa dei conti tra Lula e Bolsonaro: l’ex sindacalista punta alla vittoria al primo turno
Esteri / Nato in allerta: Mosca pronta a testare il super-siluro che può provocare uno tsunami radioattivo
Ti potrebbe interessare
Esteri / La Nato avverte Mosca: “Se Putin usa armi nucleari, conseguenze serie”
Esteri / Brasile al voto, resa dei conti tra Lula e Bolsonaro: l’ex sindacalista punta alla vittoria al primo turno
Esteri / Nato in allerta: Mosca pronta a testare il super-siluro che può provocare uno tsunami radioattivo
Esteri / Papa Francesco a Putin: “Fermati, ti supplico. Fallo per amore del tuo popolo”
Esteri / Ucraina, strage di civili a Kharkiv: morti 13 bambini mentre tentavano la fuga con le famiglie
Esteri / Indonesia, scontri dopo una partita di calcio: almeno 180 morti
Esteri / Donbass, schiaffo di Kiev a un giorno dall’annessione: Mosca ammette il ritiro da Lyman
Esteri / Nord Stream: “Esplosi 500 chili di tritolo. Bombe piazzate da robot di manutenzione”
Esteri / Russia, il rapper Walkie si toglie la vita per non andare in guerra
Esteri / Con il nuovo reattore Olkiluoto-3 la Finlandia si aggiudica la centrale nucleare più potente d’Europa