Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:47
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Regno Unito, dimissioni a raffica dal governo Johnson: “Ha le ore contate”

Immagine di copertina
Credit: Martyn Wheatley/Parsons Media via ZUMA Press Wire

Regno Unito, dimissioni a raffica dal governo Johnson: “Ha le ore contate”

Il governo di Boris Johnson si avvicina alla fine, affondato da una serie interminabile di dimissioni. Più di 30 tra ministri e sottosegretari hanno lasciato l’esecutivo nel giro di poche ore, a seguito dell’ennesimo scandalo che ha travolto l’ex sindaco di Londra, indebolito dalle recenti sconfitte elettorali.

Il premier britannico finora ha tenuto duro, rassicurando il parlamento sulla tenuta dell’esecutivo, con la garanzia che il governo “continuerà” il suo lavoro. “È esattamente quando i tempi sono duri e il paese affronta pressioni sull’economia e la più grande guerra in Europa da 80 anni che è il momento in cui ci si aspetta che un governo continui con il suo lavoro e non se ne vada“, ha detto al question time di oggi. “Ed è quello che farò”, ha aggiunto Johnson, che ha escluso nuove elezioni se sarà sfiduciato dai suoi colleghi del partito conservatore.

Nonostante le rassicurazioni, diversi ministri rimasti nel governo si stanno preparando a incontrare Johnson a Downing Street, per convincerlo a fare un passo indietro. Tra i membri della delegazione anche il nuovo cancelliere dello Scacchiere Nadhim Zahawi, oltre alla ministra dell’Interno Priti Patel. Non sarà presente invece Michael Gove, che avrebbe tentato di convincere il vecchio alleato pro-Brexit stamattina, prima del question time, a cui Gove non era presente.

A scatenare la raffica di dimissioni è stato lo scandalo legato a Chris Pincher, nominato vice capogruppo dei Tory nonostante le accuse di molestie sessuali. Le defezioni più rilevanti sono state finora quelle di Rishi Sunak da cancelliere dello Scacchiere, il ministro responsabile delle Finanze, e quelle di Sajid Javid dall’incarico di ministro della Salute. Entrambi gli ex ministri sono considerati in corsa per la leadership dei conservatori, in crisi nei sondaggi.

Johnson è già reduce di un altro voto di sfiducia, tenuto appena un mese fa, in cui è stato riconfermato solo con il 59 percento dei voti dei parlamentari conservatori. Una quota di scontenti maggiore di quella che ha votato contro Theresa May nel 2018 e Margaret Thatcher nel 1990, una settimana prima delle dimissioni della “Lady di ferro”. Il partito adesso sta valutando se cambiare le regole interne per consentire un altro voto sul primo ministro senza attendere un anno, come previsto attualmente.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Papa Francesco: “L’ideologia del gender è il pericolo più brutto”
Esteri / Strage di civili a Gaza: il filmato dei palestinesi accalcati intorno ai camion degli aiuti
Esteri / Nella Striscia di Gaza si sta consumando una catastrofe umanitaria senza precedenti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Papa Francesco: “L’ideologia del gender è il pericolo più brutto”
Esteri / Strage di civili a Gaza: il filmato dei palestinesi accalcati intorno ai camion degli aiuti
Esteri / Nella Striscia di Gaza si sta consumando una catastrofe umanitaria senza precedenti
Esteri / Putin: “L’Occidente rischia di provocare una guerra nucleare che devasterebbe la civiltà”
Esteri / Macron dopo la strage della farina: “Orrore a Gaza, cessate il fuoco subito e aiuti”. Borrell: "Inorridito da massacro"
Esteri / Putin minaccia l’Occidente: “Fa rischiare la guerra nucleare”
Esteri / Pena di morte in Usa, boia non trova la vena dopo 8 tentativi: stop all’esecuzione
Esteri / Gaza, 104 morti fra la folla in fila per la farina. Hamas: “Spari rischiano di far saltare negoziati”. Onu: “Crimini di guerra da entrambe le parti”
Esteri / Ungheria: “Sorprendono le interferenze italiane sul caso Salis”
Cronaca / Allarme degli 007: “Campagna ibrida russa contro l’Italia, attenzione alle elezioni”