Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:34
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Gli Stati Uniti accusano Russia e Cina di sfruttare gli schiavi nord coreani

Immagine di copertina

Lo riferisce il nuovo rapporto sul traffico e sfruttamento di esseri umani nel mondo pubblicato dal dipartimento di Stato statunitense

L’ultimo rapporto del Dipartimento di Stato statunitense sul traffico di essere umani, pubblicato il 27 giugno, afferma che la Cina e la Russia permettono il traffico di essere umani all’interno dei propri confini.

In particolare, gli Stati Uniti denunciano lo sfruttamento in questi paesi di manodopera schiavile proveniente dalla Corea del Nord.

“Il regime nord coreano guadagna centinaia di milioni di dollari all’anno dal lavoro forzato”, ha dichiarato il segretario di Stato americano Rex Tillerson durante la presentazione del documento alla stampa. 

Come funziona il report statunitense sul traffico di esseri umani nel mondo

Secondo il rapporto, circa 20 milioni di persone sono ridotte in schiavitù in tutto il mondo. Gli Stati Uniti assegnano a ogni paese un preciso livello di collaborazione che corrisponde agli sforzi compiuti dal suo governo per combattere la schiavitù.

La graduatoria è tarata sugli standard minimi previsti dal Trafficking Victims Protection Act, la legge statunitense per il contrasto al traffico degli esseri umani.

Il primo livello, definito Tier 1, a cui appartengono tutti i paesi dell’Europa occidentale – compresa l’Italia – è assegnato ai governi che rispettano pienamente gli standard americani.

Il secondo, chiamato Tier 2, riguarda paesi come Croazia, Estonia, Lettonia e Islanda, che non rientrano in questi criteri minimi, ma che hanno compiuto sforzi significativi per raggiungerli.

Il terzo livello – la cosiddetta Watchlist – è destinato alle nazioni, come Ungheria e Bulgaria per esempio esempio, in cui il fenomeno della schiavitù è talmente diffuso che, a prescindere dall’intervento pubblico e dalla volontà politica del governo, risulta difficilmente contrastabile.

L’ultimo livello, il Tier 3, descrive i paesi che non solo non soddisfano gli standard, ma non fanno nulla per migliorare la situazione.

Quest’anno la Cina è stata declassata dalla Watchlist al livello più basso della classifica, in cui non figurava dal 2013. Insieme alla Repubblica Democratica del Congo e alla Repubblica del Congo va ad aggiungersi alle 20 nazioni che già dal 2016 gli Stati Uniti consideravano complici o responsabili di questo fenomeno. Tra queste ci sono l’Iran, la Corea del Nord, la Russia e il Venezuela.

Il livello assegnato a Cina e Russia potrebbe giustificare addirittura sanzioni che limitano il ricorso di questi paesi agli aiuti internazionali e l’accesso ai mercati o al sistema bancario statunitense. Nessun presidente americano però si è mai ricorso a misure simili.

La posizione della Cina e della Russia

Il rapporto sostiene che il governo di Pechino, nell’ultimo anno, ha diminuito la sua azione di contrasto alla schiavitù.

“Nella relazione di quest’anno, la Cina è stata declassata al livello Tier 3 perché non ha preso le misure necessarie per porre fine alla propria complicità nella tratta di manodopera schiavile, inclusi i lavoratori forzati provenienti dalla Corea del Nord che si trovano in Cina”, ha dichiarato Tillerson alla stampa.

“Le donne nordcoreane sono sottoposte a prostituzione, matrimonio e lavoro forzati, in settori come l’agricoltura, i servizi domestici e in fabbrica”, si legge nel rapporto. “Secondo i media e una relazione dell’Onu del 2015, i cittadini nordcoreani sono sottoposti a lavoro forzato in Cina dal governo nordcoreano, con la probabile complicità dei funzionari cinesi”.

Anche la Federazione Russa è accusata di complicità con il governo di Pyongyang nello sfruttamento di lavoratori forzati provenienti dalla Corea del Nord. Secondo il rapporto, il governo russo ha aggiornato i propri contratti con Kim Jong Un che prevedono campi di lavoro nord coreani sul suolo russo, dove migliaia di lavoratori sono costretti ai lavori forzati.

“Nonostante testimonianze credibili delle condizioni schiavistiche dei cittadini nord coreani che lavorano in Russia, il governo russo non ha dato seguito ad alcuna indagine su tale fenomeno”, spiega il rapporto.

“Il regime nordcoreano riceve centinaia di milioni di dollari all’anno dal lavoro forzato”, ha dichiarato Tillerson alla stampa. Russia e Cina sono responsabili  dello sfruttamento di migliaia di cittadini nordcoreani impiegati come lavoratori forzati, stimati tra i 50 e gli 80 mila. “Molti di loro lavorano 20 ore al giorno”,  ha spiegato il segretario di Stato americano. “I loro salari sono pagati al governo di Pyongyang”.

Questa mappa mostra il livello di traffico di esseri umani e sfruttamento della schiavitù in Europa:

rapporto americano traffico esseri umani 2017

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Somalia, ucciso da una bomba Omar Hassan: era stato condannato e poi assolto per l’uccisione di Ilaria Alpi
Esteri / Bimbo palermitano di sei anni muore a Sharm el-Sheik, ipotesi intossicazione. Il padre è in terapia intensiva
Esteri / Regno Unito, dimissioni a raffica dal governo Johnson: “Ha le ore contate”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Somalia, ucciso da una bomba Omar Hassan: era stato condannato e poi assolto per l’uccisione di Ilaria Alpi
Esteri / Bimbo palermitano di sei anni muore a Sharm el-Sheik, ipotesi intossicazione. Il padre è in terapia intensiva
Esteri / Regno Unito, dimissioni a raffica dal governo Johnson: “Ha le ore contate”
Esteri / Forbes, Rihanna è la più giovane miliardaria degli Stati Uniti. Ma non grazie alla musica
Esteri / Cile, riceve per errore lo stipendio 330 volte, si dimette e fugge: ricercato
Esteri / Estradato dal Brasile il boss Rocco Morabito, deve scontare 30 anni di carcere
Esteri / Guerra in Ucraina, Ankara verso confisca del grano sul cargo russo. Di Maio: "Rafforzamento Nato dimostra fallimento Putin"
Esteri / Vertice italo-turco, Erdogan: “Con Italia rapporti sempre più sviluppati”. Draghi: “Turchi partner, amici e alleati”
Esteri / InvestEU: la Commissione Europea e l’italiana Cassa Depositi e Prestiti firmano il primo accordo europeo di Advisory
Esteri / Lumache giganti invadono il Sud della Florida: una città in quarantena