Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:24
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Usa, va a un appuntamento con un uomo conosciuto su Tinder: ragazza uccisa e smembrata

Immagine di copertina

Va a un appuntamento con un uomo conosciuto su Tinder: ragazza uccisa

Uccisa e smembrata in 14 parti: è l’orrenda fine che ha fatto una ragazza 24enne, uscita di casa per andare a un appuntamento con un uomo, conosciuto su Tinder.

La macabra vicenda è avvenuta negli Usa nel 2017, ma è salita alla ribalta della cronaca in questi giorni, in seguito alla condanna per omicidio dei responsabili del delitto.

Tutta ha inizio il 15 novembre del 2017 quando la 24enne del Nebraska Sydney Loofe, questo il nome della vittima, esce di casa per recarsi a un appuntamento con un uomo, conosciuto sulla nota app di incontri Tinder, senza fare più rientro.

“Pronta per il mio appuntamento” si legge sul profilo Snapchat della vittima, poi più nulla.

Circa un mese dopo la sua scomparsa, il cadavere della ragazza è stato ritrovato a Edgar, a sud-ovest della cittadina di Omaha, smembrato in quattordici parti e abbandonato lungo una strada statale.

Secondo quanto ricostruito dal quotidiano britannico Daily Mail, la 24enne si è incontrata con Aubrey Trail, di 52 anni, per partecipare a un gioco erotico, forse dietro compenso.

Una volta arrivata all’appuntamento, l’uomo avrebbe proposto a Sydney di coinvolgere nel rapporto sessuale anche la sua compagna, Bailey Boswell, all’epoca dei fatti 24enne, e la vittima avrebbe accettato, andando inconsapevolmente incontro alla sua morte.

Il resto, infatti, è stato ricostruito dall’autopsia del medico legale: Sydney è morta per asfissia, forse soffocata da un filo del telefono, ma avrebbe lottato sino all’ultimo per divincolarsi dalla stretta che l’ha uccisa. Poi, come detto, il corpo della ragazza è stato vivisezionato in quattordici parti e abbandonato per strada.

Altre donne, che avevano fissato un appuntamento con Aubrey sempre su Tinder, hanno successivamente raccontato di aver ricevuto la stessa proposta di un ménage à trois da parte dell’uomo, ma di aver sempre rifiutato e di non essere mai andate oltre.

Aubrey Trail e la sua fidanzata  Bailey Boswell, intanto, sono stati entrambi condannati per omicidio. I due si sono sempre difesi dichiarando di non voler uccidere Sydney, ma che la sua morte fosse frutto di un gioco erotico finito male.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Ti potrebbe interessare
Esteri / Strage in Texas, parla il papà del killer: “Avrebbe dovuto uccidere me”
Esteri / Strage in Texas, morto d'infarto il marito di una delle due insegnanti uccise
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky sente Draghi: "Sblocchiamo porti insieme". Cremlino: negoziati sospesi su decisione di Kiev
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Esteri / La disperata fuga in auto sulle strade del Donbass tra le bombe dei russi
Esteri / Guerra in Ucraina, Lavrov, il piano di pace italiano "non è serio". L'Italia revoca 4 onorificenze ai russi "per indegnità"
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”