Me

Ragazza che soffriva di ansia acuta muore dopo che la madre le manda centinaia di emoticon arrabbiate

L'iPad di Angela ha avuto un problema, e ha continuato a inviare emoticon arrabbiate alla figlia

Di Nicola Simonetti
Pubblicato il 19 Set. 2019 alle 08:59
Immagine di copertina
Credit: Shabina Miah/Cavendish Press

Ragazza che soffriva di ansia è morta dopo che la madre le manda centinaia di emoticon arrabbiate

Una ragazza è morta a causa di centinaia di emoticon arrabbiate inviatele dalla madre. La morte della giovane che lottava contro una forma di ansia acuta è stata attribuita alla madre, che le ha erroneamente inviato per sbaglio delle emoticon su Facebook.

Shabina Miah, 33 anni, aveva postato un video di quando era stata al circo con il fidanzato.

Ma nel tentativo di mettere ‘Mi piace’, un problema all’iPad della madre Angela ha fatto sì che inviasse per errore una serie di faccine arrabbiate.

Quindi Shabina ha bloccato la madre e si è rifiutata di rispondere alle sue chiamate.

Angela ha spiegato che Shabina soffriva di problemi relazionali, sia con l’ex boyfriend Luke Tomlison che con il nuovo partner David Brown.

Il giorno successivo all’incidente, Angela si è presentata a casa della figlia a Macclesfield, ma le due hanno avuto un’accesa discussione.

La madre ha trovato Shabina morta nel proprio letto il giorno successivo.

Shabina soffriva di depressione e diabete, ed era già finita due volte in overdose di insulina.

Durante il processo che ne è seguito, Angela ha spiegato che la figlia era coinvolta in una relazione complicata col meccanico Tomlison, con cui doveva convolare a nozze prima che lui la lasciasse lo scorso gennaio, quando lei aveva conosciuto Brown.

Tomlison era tornato nella casa due giorni prima la morte di Shabina.

Dentro il Rojava, guerra di Siria

Angela ha raccontato: “Sabato notte [Shabina] era andata a un concerto e il giorno dopo era stata al circo con Dave. Il mio iPad non funzionava bene e ho visto che aveva messo un video dei due al circo. Volevo mettere ‘Mi piace’ ma è apparsa una faccina arrabbiata”.

“L’ho premuta di nuovo ma non se ne voleva andare. C’erano 100 faccine arrabbiate e mia figlia ha frainteso”.

Poi ha aggiunto riguardo la mattina del ritrovamento: “Ero isterica e sapevo che [Shabina] era morta. I paramedici mi hanno detto di provare a farle la respirazione cardiopolmonare, ma sapevo che era troppo tardi”.

La mattina della morte di Shabina, Tomlison ha dichiarato di essere uscito a portare il cane a passeggio e aver visto la ragazza piangere sotto le coperte.

“Era triste e confusa ma ho pensato fosse perché aveva litigato con l’altro uomo David Brown. Non era più la persona che conoscevo”.

I test effettuati sul cadavere hanno rivelato la presenza di cocaina nel corpo di Shabina.

Dentro il Rojava, guerra di Siria

Il medico legale ha dichiarato alla stampa: “È chiaro che Shabina abbia fatto uso di cocaina prima della sua morte – probabilmente per alleviare la tristezza, ma non c’è alcuna prova che ne abbia abusato”.

I social media creano dipendenza psicologica come il gioco d’azzardo