Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 10:18
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Ragazza mormona repressa da educazione religiosa lascia la Chiesa per diventare attrice di film per adulti

Immagine di copertina

La storia di Addie Andrews, 30 anni

Ragazza mormona lascia la Chiesa per diventare una porno star

Una ragazza mormona repressa dalla sua educazione religiosa ha lasciato la chiesa per diventare porno star.

Addie Andrews, 30 anni, è entrata nel mondo dell’intrattenimento per adulti nonostante l’educazione “timorata di Dio”.

Negli scorsi mesi la rivista Penthouse le ha consegnato un premio e su Instagram vanga 70 mila follower.

Addie ha raccontato a una rivista statunitense che nel suo lavoro si sente soddisfatta perché, in qualche modo, “aiuta le persone”, quello che aveva imparato a fare durante gli anni di rigida educazione mormona.

Addie è cresciuta in una piccola città nel nord-ovest degli Stati Uniti, dove i suoi genitori le hanno impartito una dura educazione religiosa, e si era sempre attenuta alle rigide regole contro i rapporti prima del matrimonio.

Farlo era considerato un “peccato molto grave e una cosa vergognosa da fare” per il mormonismo.

“Più mi sono avvicinato alla religione, più mi sono allontanato dalla mia identità”, ha raccontato Addie.

Durante il periodo trascorso in Chiesa, andò in missione negli Stati Uniti per cercare di convertire gli altri alla fede.

Solo una volta compiuti 26 anni ha avuto di nuovo un rapporto.

“Ero così repressa! Essenzialmente ero come una suora. Non potevo avere rapporti o guardare film di sabato”.

Addie non ne poteva più, ma quando i genitori le hanno impedito di partecipare al matrimonio di sua sorella come damigella d’onore perché l’abito era troppo “volgare” è esplosa, e ha deciso di cambiare.

Nel 2017, ha smesso di frequentare la chiesa e l’anno successivo si è trasferita in California per diventare attrice, approfittando del fatto che grazie alla Chiesa aveva appreso la danza e il canto.

Pur avendo una laurea, ha faticato molto per trovare lavoro, e così ha deciso di diventare una ballerina esotica. Poi alcuni agenti l’hanno notata e l’hanno fatta entrare nel mondo del porno.

Il fratello ha detto di sostenere la sua decisione perché “sembra più felice che mai”, ma che non guarderà mai un suo film.

“Attraverso la danza ha attirato l’attenzione di molti agenti del porno, stregati dalle sue forme”, ha raccontato il fratello.

Da allora, a quanto pare, sembra che anche la famiglia abbia accettato la professione della figlia.

Le donne e gli uomini sono uguali: di fronte a un film porno, il cervello reagisce nello stesso modo

Ti potrebbe interessare
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Esteri / Dalla conversione all’Islam ai precedenti: chi è l’attentatore di Kongsberg armato di arco e frecce
Esteri / Incendio in un grattacielo a Taiwan, almeno 46 morti
Ti potrebbe interessare
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Esteri / Dalla conversione all’Islam ai precedenti: chi è l’attentatore di Kongsberg armato di arco e frecce
Esteri / Incendio in un grattacielo a Taiwan, almeno 46 morti
Esteri / Libano, violenti scontri a Beirut: almeno 5 morti e 30 feriti
Esteri / Il direttore dell'Oms: "Non esclusa l'ipotesi della fuoriuscita dal laboratorio"
Esteri / Al Sisi: sui diritti umani “non accettiamo diktat europei”
Esteri / Come agisce il "sistema di terrore" della National Security Agency egiziana
Esteri / Cosa si può fare per cambiare in meglio Facebook
Esteri / Austria, Sebastian Kurz si dimette: indica Schallenberg come successore
Esteri / Dodici Paesi Ue vogliono muri anti-migranti: da una parte noi con i nostri diritti, dall’altra bestie da allontanare