Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 00:02
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Salute

Le donne e gli uomini sono uguali: di fronte a un film porno, il cervello reagisce nello stesso modo

Immagine di copertina
Una scena del film "Harry ti presento Sally"

I film porno, nell’immaginario comune, sono di esclusivo appannaggio degli uomini, che rispetto alle donne ne guardano di più.

Eppure, secondo un nuovo studio condotto dal Max Planck Institute for Biological Cybernetics di Tubingen, in Germania, le donne sarebbero stimolate quanto gli uomini dalla visione di immagini pornografiche.

Di fronte alla riproduzione di un film porno, la reazione del cervello sarebbe la stessa sia nelle donne che negli uomini, anche se è diffusa l’idea che gli uomini si eccitino molto più delle donne di fronte a scene di sesso.

Per condurre lo studio sugli effetti del porno, pubblicato lunedì 15 luglio sulla rivista scientifica Pnas, i ricercatori dell’istituto tedesco hanno analizzato i dati emersi da 61 diversi studi sull’attività del cervello di donne e uomini.

Il team di scienziati ha analizzato le immagini del cervello di 1.850 persone, sottoposte alla visione di stimoli erotici visivi. I risultati mostrano che il cervello umano reagisce nello stesso modo alla visione di immagini pornografiche, a prescindere dal sesso dell’individuo. Il genere, quindi, non conta. Gli effetti del porno su uomini e donne sarebbero gli stessi.

“È generalmente diffusa l’idea che immagini e filmati erotici stimolano risposte diverse a causa del fatto che donne e uomini vivono il sesso in maniera diversa”, afferma il gruppo di scienziati.

“In particolare, si parte dal presupposto che gli uomini rispondano in modo più intenso agli stimoli sessuali visivi rispetto alle donne”.

Lo staff del Max Planck Institute attribuisce questa credenza alla percezione che gli uomini guardino film pornografici regolarmente, mentre le donne non ne fanno uso.

Ci sono sicuramente differenze di comportamento: il numero di uomini che frequenta rivenditori di materiale pornografico rappresenta l’80 per cento dei consumatori”, dichiara Hamid Noori, a capo del gruppo di ricerca del dipartimento di fisiologia dei processi cognitivi al Max Planck Institute.

Secondo lo studio, dunque, le donne e gli uomini sarebbero molto più simili di quello che pensiamo, perchè gli effetti del porno sui loro cervelli sono praticamente gli stessi.

“I risultati della ricerca non solo mettono in discussione gli studi pubblicati in precedenza sul tema, ma anche il luogo comune e la percezione secondo cui gli uomini sono molto più stimolati delle donne dal porno, e che in generale agli uomini il sesso piaccia di più”, conclude lo scienziato.

Gli effetti del porno sul nostro cervello

Ti potrebbe interessare
Salute / Farmacie online: ecco i prodotti più richiesti sul web
Salute / 24 milioni: gli italiani con il mal di pancia sono di gran lunga il primo partito
Salute / Gli integratori per te li suggerisce un’Intelligenza Artificiale
Ti potrebbe interessare
Salute / Farmacie online: ecco i prodotti più richiesti sul web
Salute / 24 milioni: gli italiani con il mal di pancia sono di gran lunga il primo partito
Salute / Gli integratori per te li suggerisce un’Intelligenza Artificiale
Interviste / Per fare un albero, ci vuole il seme. Per la sanità calabrese, una donna
Ambiente / Coltivare la carne? E’ possibile e lo stanno già facendo
Salute / Pillola anti-Covid, Merck: “Dimezza il rischio di ospedalizzazione e morte”
Salute / Sandro Lombardi, presidente Anifa “È tempo di ricominciare a prendersi cura del proprio udito”
Salute / I cani allungano la vita ai loro compagni
Salute / Vincenzo Falabella, presidente FISH Onlus ““Le paralimpiadi insegnino alla politica che questo Paese deve diventare accessibile”
Salute / Tornano le domeniche di prevenzione di Nonno Ascoltami! nelle piazze italiane