Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 12:34
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

“L’indipendenza della Catalogna è questione di giorni”, secondo il presidente catalano

Immagine di copertina
Credit: Afp

Carles Puigdemont ha parlato nella sua prima intervista dopo il referendum per l'indipendenza

Nella sua prima intervista da quando si è tenuto il referendum in Catalogna, rilasciata all’emittente britannica BBC, il presidente catalano Carles Puigdemont ha detto che “l’indipendenza è questione di giorni”.

Puigdemont ha riferito ai giornalisti britannici che il suo governo si attiverà per l’indipendenza “alla fine di questa settimana o all’inizio della prossima”.

Alla domanda su un possibile intervento del governo spagnolo per esautorare le autorità regionali e prendere direttamente il controllo del governo catalano, il presidente Puigdemont ha risposto che questo sarebbe “un errore in grado di cambiare tutto”.

Puigdemont ha aggiunto poi che al momento non c’è stato alcun contatto né trattativa con il governo di Madrid. Inoltre, il presidente catalano ha anche risposto alle autorità europee che avevano bollato il referendum in Catalogna come un “problema interno alla Spagna”, sostenendo come la questione della regione autonoma spagnola riguardi invece tutta l’Europa.

Il governo regionale autonomo della Catalogna ha fatto sapere che il presidente Puigdemont rilascerà una dichiarazione ufficiale alle 19 di mercoledì 4 ottobre.

L’intervista di Puigdemont si è tenuta pochi minuti prima del discorso del re spagnolo Felipe VI alla nazione, in cui ha definito il referendum un atto “di slealtà inaccettabile da parte delle autorità catalane”.

“Oggi, la società catalana è divisa”, ha aggiunto il re, avvertendo come la consultazione referendaria potrebbe mettere a rischio l’economia della ricca regione nord-orientale e quella di tutta la Spagna.

Il monarca ha però anche sottolineato che la Spagna “supererà questi tempi difficili”, nonostante gli organizzatori del voto si siano posti “al di fuori della legge”.

Intanto il 3 ottobre si è tenuto lo sciopero lo sciopero generale in tutta la regione autonoma.

Centinaia di migliaia di persone in tutta la Catalogna hanno marciato, in particolare per le vie di Barcellona, per protestare contro la violenza usata dalla polizia durante le operazioni di voto. Negli scontri quasi 900 persone sono infatti rimaste ferite, tra questi anche 33 poliziotti.

Le violenze perpetrate dalle forze dell’ordine avevano scatenato la reazione di diversi esponenti politici catalani, una “vergogna indegna per una democrazia” era stato il commento della sindaca di Barcellona Ada Colau.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”
Ti potrebbe interessare
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”
Esteri / Teologo musulmano critica i completi delle pallavoliste turche: “Siete sultani della fede, non dello sport”
Esteri / Variante Delta, Fauci: “Vaccinati o no, la contagiosità dei positivi è identica”
Esteri / Obbligo di vaccino per i dipendenti Google e Facebook
Esteri / A che punto è la crisi politica in Tunisia: Said licenzia 20 alti funzionari di governo
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Esteri / In Germania è iniziata ufficialmente la quarta ondata di Covid
Esteri / Influencer di giorno, narcotrafficante di notte: arrestata la 19enne "Miss Cracolandia"