Me

Principessa saudita condannata per aver umiliato l’idraulico, costretto a baciarle i piedi per ore

Hassa bin Salam sconterà una pena di 10 mesi in carcere

Di Marta Vigneri
Pubblicato il 12 Set. 2019 alle 16:36 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 16:38
Immagine di copertina

Principessa saudita condannata per aver costretto l’idraulico a un bacia piedi

Era stata accusata di aver imposto all’idraulico un bacia piedi, e di averlo picchiato per ore, ora è stata condannata: è la sorte toccata a Hassa bin Salam, principessa saudita sorella del principe Mohammad.

I fatti si sono svolti a Parigi nel 2016, quando l’idraulico aveva sbagliato alcuni lavori in casa della principessa ed era stato per questo costretto al bacia piedi, ma la vicenda è salita nuovamente agli onori della cronaca con l’inizio del processo, che ha preso il via nella giornata di martedì 9 luglio e la cui sentenza è arrivata oggi, giovedì 12 settembre.

La sorella del principe Mohammad bin Salam è stata condannata a 10 mesi di carcere con la condizionale e a pagare una multa da 10mila euro.

Secondo quanto ricostruito dal quotidiano francese Le Point, la principessa saudita aveva chiesto a Rani Saidi, la sua guardia del corpo, di picchiare l’uomo e costringerlo a un bacia piedi di ore per aver sbagliato alcuni lavori nella vasca da bagno del suo appartamento in Avenue Foch, una delle strade più chic di Parigi.

Parigi, idraulico sbaglia i lavori nell’appartamento della principessa araba: picchiato e costretto a baciare i piedi della donna per ore