Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

“Possiamo lanciare 500 testate nucleari. Abbastanza per distruggere Usa e Nato”: la minaccia della Russia

Immagine di copertina

“Possiamo lanciare 500 testate nucleari. Abbastanza per distruggere Usa e Nato”: la minaccia della Russia

“A cosa serve il mondo se la Russia non ci sarà dentro?” È la cupa domanda rivolta ai propri telespettatori da uno dei volti più noti della televisione russa. “I nostri sottomarini da soli possono lanciare più di 500 testate nucleari, che peraltro garantirebbero la distruzione degli Stati Uniti e della Nato”, ha dichiarato durante una trasmissione della tv di stato russa Dmitri Kiselyov, giornalista considerato molto vicino a Vladimir Putin, mentre tra Russia e paesi occidentali continuano ad aumentare le tensioni, con l’annuncio dell’allerta nucleare da parte di Mosca. “Il principio è: a cosa serve il mondo se la Russia non ci sarà dentro?”

Kiselyov non è nuovo a uscite del genere. Già lo scorso dicembre, l’uomo che nel 2013 il presidente russo aveva nominato a capo della nuova agenzia internazionale Russia Today (Rossiya Segodnya), aveva dichiarato che la Russia potrebbe ridurre in “cenere radioattiva” gli Stati Uniti, accusati all’epoca di diffondere “falsità” sulle intenzioni di Mosca di invadere l’Ucraina. Tre anni fa aveva mostrato in televisione una mappa degli Stati Uniti che indicava obiettivi quali il Pentagono e Camp David, spiegando che i nuovi missili ipersonici sviluppati dalla Russia sarebbe in grado di colpirli in meno di cinque minuti. “La vendetta sul territorio degli Stati Uniti è (una questione di) principio per noi”, aveva detto il conduttore, che come osserva il corrispondente del Financial Times Max Seddon, solo nel 2012 si recava a Washington per uno scambio presso il dipartimento di Stato americano. Tempi diversi.

GUERRA IN UCRAINA: LE ULTIME NOTIZIE IN DIRETTA
Ti potrebbe interessare
Esteri / Vaiolo delle scimmie, l’Oms avverte: “Quadro in rapida evoluzione”
Esteri / Sparatoria in una scuola in Germania: almeno un ferito, fermato un sospetto
Esteri / La gaffe di George W. Bush: “La brutale invasione dell’Iraq… volevo dire “dell’Ucraina” | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Vaiolo delle scimmie, l’Oms avverte: “Quadro in rapida evoluzione”
Esteri / Sparatoria in una scuola in Germania: almeno un ferito, fermato un sospetto
Esteri / La gaffe di George W. Bush: “La brutale invasione dell’Iraq… volevo dire “dell’Ucraina” | VIDEO
Esteri / Guerra in Ucraina, Google chiude i suoi uffici in Russia
Esteri / Guerra in Ucraina, telefonata tra i capi di Stato maggiore di Usa e Russia. Mosca: "Pronti per ripresa negoziati". Erdogan: no a Svezia e Finlandia nella Nato.
Esteri / Il giornalista russo Solovyov ancora contro Draghi: “Non lo ha eletto nessuno”
Esteri / Giappone, 24enne riceve per errore 340mila euro di aiuti per il Covid e se li gioca tutti al casinò
Esteri / Ucraina, soldato russo “ha chiuso la famiglia in uno scantinato e stuprato una ragazza”
Esteri / Drone russo sgancia una granata dentro a un bicchiere di plastica | VIDEO
Cronaca / Mosca espelle 24 diplomatici italiani: “Da Roma azioni ostili e immotivate”