Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:25
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La Polonia avvia l’iter di uscita dalla Convenzione europea sulla violenza contro le donne

Immagine di copertina
A sinistra: Il premier polacco Mateusz Morawiecki

La Polonia uscirà dalla convenzione sulla violenza contro le donne

La Polonia avvierà lunedì il processo di uscita dalla Convenzione di Istanbul, il trattato del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza sulle donne e a quella domestica. Lo ha annunciato sabato 25 luglio il ministro della Giustizia, Zbigniew Ziobro. La Convenzione di Istanbul, adottata nel 2011, è il primo strumento sovranazionale che stabilisce standard giuridicamente vincolanti per prevenire la violenza di genere. Il governo polacco ha firmato la Convenzione di Istanbul nel 2012 e l’ha ratificata tre anni dopo, quando il Paese era governato da una coalizione centrista. Ziobro all’epoca aveva detto di considerarla “una creazione femminista che mira a giustificare l’ideologia gay”.

Il trattato sulla violenza contro le donne ha creato polemiche e divisioni anche in altri Paesi dell’Europa orientale, con gli europeisti generalmente a favore e i leader nazionalisti contrari, come il premier ungherese Viktor Orban. Il 6 luglio scorso, infatti, il Parlamento di Budapest ha respinto la ratifica della Convenzione sostenendo che essa promuoveva “l’ideologia distruttiva di genere” e della “migrazione illegale”. Ieri, venerdì 24 luglio, migliaia di persone a Varsavia hanno manifestato contro i piani del governo conservatore polacco e le dichiarazioni di diversi esponenti dell’esecutivo, dal vice ministro della Giustizia, Marcin Romanowski, il quale ha definito il trattato “un tentativo dei neo-marxisti e dei sostenitori dell’ideologia di genere” di imporre i loro credo ai polacchi, alla ministra del Lavoro, Marlena Maciag, la quale già la settimana scorsa ha annunciato l’intenzione di uscire dal trattato europeo.

Leggi anche: Ungheria, Orban boccia la Convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne

Ti potrebbe interessare
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan
Esteri / Usa: marito e moglie No vax muoiono di Covid, dicevano che il vaccino è “un attacco ai diritti umani”
Esteri / Usa, il video shock degli agenti che frustano migranti al confine con il Messico