Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Alabama, poliziotto pubblica sui social il mirino di un’arma puntato contro un manifestante nero: “Il prossimo è lui”

L'agente è stato licenziato

poliziotto post mirino

In Alabama un poliziotto è stato licenziato per aver pubblicato sui social network un post raffigurante un manifestante nero inquadrato nel mirino di un’arma da fuoco. Ad accompagnare l’immagine una scritta eloquente rispetto al tono del messaggio: “Questo è il prossimo”.

Ryan Snow, questo il nome dell’agente, è stato cacciato dal dipartimento di polizia di Hoover, sobborgo di Birmingham. “Questo tipo di condotta non è tollerato nel nostro dipartimento e non è rappresentativo della professionalità che ci si aspetta da tutti i nostri funzionari”, ha detto capo della polizia di Hoover, Nick Derzis, al quotidiano online locale AL.com.

Il post che ha potato al licenziamento Snow è apparso tra i commenti di un articolo, pubblicato su Facebook, nel quale si raccontava il raduno di alcuni manifestanti al ristorante di Wendy ad Atlanta, dove è stato ucciso nei giorni scorsi Rayshard Brooks. Nel post ci si chiedeva “chi sarà il prossimo?”.

Il poliziotto ha commentato postando l’immagine di un mirino che punta contro un manifestante nero scrivendo “Espira, Inspira. Pausa. Premere con forza. Questo è il prossimo”. L’agente, in forza al dipartimento di Hoover da quattro anni e mezzo, ha ammesso di essere l’autore del post. E il dipartimento lo ha licenziato.

Leggi anche: Atlanta, la polizia uccide un giovane afroamericano: altro video shock

Ti potrebbe interessare
Esteri / Arrestati in Congo gli assassini dell’ambasciatore Attanasio. “Volevano rapirli”
Esteri / Regno Unito, al via test per settimana lavorativa di 4 giorni
Esteri / Covid, in calo i contagi nel Regno Unito. L’Oms: “La fine della pandemia non è lontana”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Arrestati in Congo gli assassini dell’ambasciatore Attanasio. “Volevano rapirli”
Esteri / Regno Unito, al via test per settimana lavorativa di 4 giorni
Esteri / Covid, in calo i contagi nel Regno Unito. L’Oms: “La fine della pandemia non è lontana”
Esteri / Roberta Metsola è la nuova presidente del Parlamento Europeo: “Onorerò David Sassoli”
Esteri / Cantante folk prende volontariamente il Covid per non fare il vaccino e muore
Esteri / Siberia, cinque ragazzi trovano e salvano una bambina appena nata abbandonata a -20 gradi
Esteri / Francia, la proposta shock del candidato Zemmour: “Scuole separate per studenti disabili”
Esteri / Djokovic espulso dall’Australia, il presidente serbo: “Trattato come un assassino seriale”
Esteri / “Il futuro dipende dai non vaccinati, salveranno l’umanità”: l’ultima teoria folle del Nobel Montagnier
Esteri / Djokovic, appello respinto: sarà espulso dall’Australia. “Deluso dalla sentenza”