Covid ultime 24h
casi +17.455
deceduti +192
tamponi +257.024
terapie intensive +15

La polizia turca trova esplosivi e armi vicino un checkpoint

Il sequestro è avvenuto lungo un'arteria che porta alla capitale Ankara, già oggetto di gravi attentati

Di TPI
Pubblicato il 25 Feb. 2016 alle 15:58 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 21:46
0
Immagine di copertina

Esplosivi e munizioni sono stati rinvenuti nei pressi di un checkpoint della polizia lungo la strada che collega Ankara, capitale della Turchia alla città costiera di Samsun. A renderlo noto, giovedì 25 febbraio 2016, l’ufficio del governatore di Ankara.

Due granate, una mitragliatrice, un Kalashnikov, quattro detonatori, centinaia di proiettili e tre borse di sostanze esplosive sono state trovate a meno di un chilometro dal checkpoint stradale della gendarmeria. Sono in corso delle indagini in merito.

Le forze armate turche hanno sequestrato diverse armi e munizioni nel sudest del paese nel corso degli ultimi mesi. Tuttavia, i sequestri avvengono raramente al di fuori delle province sudorientali abitate prevalentemente da curdi.

Nella regione l’esercito sta combattendo il Pkk in seguito all’interruzione del cessate il fuoco tra lo stato e il gruppo, avvenuto nel luglio 2015.

Il sequestro segue gli eventi di Ankara del 17 febbraio, quando un’auto carica di esplosivo aveva affiancato dei pullman militari fermi a un semaforo. La detonazione aveva causato la morte di 29 persone.

L’attacco era stato rivendicato dai Falchi per la libertà del Kurdistan (Tak), un gruppo armato fuoriuscito dal Pkk.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.