Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:25
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Lei vuole lasciarlo: lui la stupra per ore e la picchia a sangue, minacciando di violentare la sorella minore

Immagine di copertina

L'orrendo crimine è avvenuto nel Regno Unito: vittima una ragazza 18enne

Picchiata brutalmente e costretta a fare sesso dal fidanzato che voleva lasciare

Voleva lasciare il suo fidanzato, ma lui l’ha brutalmente picchiata e costretta a fare sesso, minacciando di stuprare la sorella minore di 10 anni.

L’orrenda vicenda è avvenuta nel Regno Unito e a raccontarla ai giornali inglesi è stata la stessa vittima delle brutale aggressione, la 18enne Jade Workman.

Secondo quanto ricostruito dalla ragazza, Jade ha conosciuto il suo aguzzino, Zane Earney-Maslen, anche egli di 18 anni, al college.

Dopo una breve frequentazione i due si sono fidanzati. All’inizio le cose sembravano andare per il meglio, ma con il trascorrere delle settimane, il ragazzo è diventato sempre più possessivo. Quando i due non erano insieme, infatti, Zane tempestava di telefonate la sua fidanzata, per sapere in continuazione cosa facesse e con chi fosse.

Così, dopo poco più un mese di relazione, Jade aveva deciso di interrompere ogni legame con Zane. Ma quando quest’ultimo ha appreso la notizia, si è trasformato in un uomo violento. Il giovane, infatti, ha iniziato a minacciare la sua compagna, affermando che, se lo avesse lasciato, lui avrebbe violentato la sorella minore di Jade, di 10 anni, e ucciso il fratello 12enne.

Per proteggere i suoi cari, la ragazza ha continuato a frequentare Zane.

Le cose sono peggiorate quando la giovane ha scoperto che, oltre a essere violento, Zane intratteneva anche altre relazioni con diverse ragazze.

Così ha trovato il coraggio di affrontarlo personalmente per lasciarlo nella sua abitazione. Ma lui ha reagito in modo a dir poco violento. Prima l’ha colpita con un pugno, poi l’ha presa a calcia e infine l’ha colpita ripetutamente con la cinta. Dopodiché l’ha immobilizzata sul letto dove l’ha violentata per diverse ore.

Tornata a casa tumefatta, Jade ha raccontato tutto alla madre, che l’ha portata subito alla stazione di polizia più vicina.

Zane è stato arrestato e si trova attualmente in carcere, in attesa del processo, la cui sentenza dovrebbe arrivare il prossimo 30 agosto.

Cosa spinge una persona a commettere uno stupro
Ti potrebbe interessare
Esteri / Elon Musk: “Entro sei mesi il chip di Neuralink nel cervello di un essere umano”
Esteri / Minacce di morte a Megan Markle: cosa è successo alla moglie di Harry
Esteri / Genitori No vax bloccano l’operazione che può salvare la vita del figlio: “Non vogliamo sangue di vaccinati”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Elon Musk: “Entro sei mesi il chip di Neuralink nel cervello di un essere umano”
Esteri / Minacce di morte a Megan Markle: cosa è successo alla moglie di Harry
Esteri / Genitori No vax bloccano l’operazione che può salvare la vita del figlio: “Non vogliamo sangue di vaccinati”
Esteri / Il leader ceceno Kadyrov risponde al Papa: “Vergognoso, è rimasto vittima della propaganda”
Esteri / Monaci positivi al test antidroga: chiuso un tempio buddhista
Esteri / Chi era la 16enne iraniana uccisa perché indossava un cappello da baseball al posto del velo
Esteri / Singapore, abrogata la legge che puniva sesso gay: risaliva all’epoca coloniale
Esteri / Per 11 giorni aggrappati al timone di una petroliera: tre migranti sopravvivono alla traversata dalla Nigeria alle Canarie
Esteri / L’allarme di Kiev: “Navi russe con 84 missili nel Mar Nero e nel Mediterraneo”
Esteri / Qatar, un alto dirigente ammette che i lavoratori morti per preparare i Mondiali sono stati “tra i 400 e i 500”