Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:01
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Rivelato un piano di pace per la Siria proposto dalla Russia

Immagine di copertina

Il documento proporrebbe un processo di riforma costituzionale della durata di 18 mesi seguito dalle elezioni presidenziali

È trapelato il piano di pace proposto dalla Russia per la risoluzione della guerra civile siriana. Il documento, che in questi giorni è stato presentato da alcuni funzionari russi per uso interno alle Nazioni Unite, proporrebbe un processo di riforma costituzionale della durata di 18 mesi, seguito dalle elezioni presidenziali. 

La proposta è trapelata prima del prossimo vertice sulla situazione in Siria che si terrà a Vienna sabato 14 novembre, a meno di due settimane dall’ultimo incontro cui ha partecipato per la prima volta anche l’Iran.

Nel piano di pace proposto dalla Russia non è specificato se il presidente siriano Bashar al-Assad potrà rimanere al potere o meno nel momento in cui dovesse entrare in vigore quanto definito nel documento.

Nella proposta russa è anche richiesto, all’inviato speciale delle Nazioni Unite per la Siria Staffan de Mistura, l’inizio di un nuovo processo politico tra il governo siriano e una delegazione unita che rappresenti i gruppi dell’opposizione, senza tuttavia specificare quali sarebbero quelli presenti.

Il processo si baserebbe su quanto già stabilito alla Conferenza di pace Ginevra 2, vale a dire la formazione di un governo transitorio in Siria.

Il documento russo è composto da otto punti e non escluderebbe la partecipazione di Assad alle elezioni che si terranno in seguito alla riforma costituzionale: qualcosa di impensabile per i suoi avversari politici, che escludono la presenza dell’attuale presidente siriano in qualsiasi trattativa.

Il processo di riforma sarebbe presieduto da un candidato su cui tutte le parti devono essere concordi, e non dal presidente Bashar al-Assad.

“Il presidente della Siria eletto dal popolo svolgerà le funzioni di comandante supremo delle forze armate, controllerà le forze speciali e la politica estera” è quanto sarebbe scritto sul documento redatto dal governo russo.

I gruppi di opposizione siriana hanno comunicato ufficialmente che rifiutano la proposta di un periodo di transizione in cui l’attuale presidente Bashar al-Assad potrebbe rimanere al potere.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Ti potrebbe interessare
Esteri / Tensioni UE-Polonia, Morawiecki: “Se vorranno la terza guerra mondiale ci difenderemo con tutte le armi”
Esteri / Colpo di Stato in Sudan: arrestati il capo del governo Hamdok e altri ministri
Esteri / Boom di contagi nel Regno Unito, il governo corre ai ripari e apre al Green Pass
Esteri / Colombia, catturato il narcotrafficante Otoniel. Il presidente Duque: "È il colpo del secolo"
Esteri / Erdogan espelle 10 ambasciatori occidentali tra cui Usa e Francia
Esteri / I vincitori del Wildlife Photographer of the Year 2021
Esteri / Un sistema progettato per evitare la tirannia della maggioranza ha creato la tirannia della minoranza
Esteri / Senatore eletto coi brogli. Ma neanche ora che è stato scoperto dovrà restituire un euro
Esteri / Esercito Europeo: cos’è, come funziona e chi ne fa parte
Esteri / Scudo spaziale, battaglione da 5.000 unità, cooperazione con la Nato: come sarà l’esercito europeo