Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:17
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Esclusivo TPI – Pescatori italiani liberati in Libia: “Ecco i nostri carcerieri”

Immagine di copertina

A un anno dal rilascio dall’inferno libico, TPI rivela i volti degli aguzzini dei 18 pescatori di Mazara del Vallo tenuti prigionieri per 108 giorni dalle milizie di Khalifa Haftar

Le carceri libiche e il network del generale Haftar con tanto di volti, nominativi e profili Facebook: quaranta fotografie in cui si racchiude la lunga prigionia dei 18 pescatori di Mazara del Vallo, sequestrati nel mezzo del Mediterraneo il 1 settembre 2020 e liberati dopo tre mesi e mezzo nelle carceri libiche. 

I marittimi li hanno riconosciuti nei mesi scorsi, nel corso di numerosi interrogatori condotti dai carabinieri di Trapani e del Reparto operativo speciale (Ros) di Roma, individuandoli in un fascicolo fotografico pieno zeppo di soldati semplici, sergenti, caporali e generali libici. Le loro facce sono comparse come pezzi di un puzzle, riempiendo le tessere mancanti nella memoria dei pescatori. Sono i fedelissimi di Khalifa Haftar, il reuccio della Cirenaica e regista del sequestro dei pescherecci Antartide e Medinea e di 18 pescatori (otto italiani, sei tunisini, due indonesiani e due senegalesi). A partire dal generale Khaled Mahjoub, portavoce dell’autoproclamato Esercito nazionale libico (Libyan National Army – Lna), e dal capitano Bashir Al Jahni, comandante del carcere di El Quifia, in cui i pescatori sono stati detenuti per oltre un mese.

Entrambi sono stati riconosciuti attraverso dei frame estrapolati da un documentario filmato allinterno delle carceri di Haftar: stando ai racconti dei marittimi, tuttavia, nessuno dei due, né Mahjoub né Al Jahni, ha utilizzato alcuna forma di violenza nei loro confronti. A differenza degli operativi di Haftar, protagonisti di violenze e torture, che riaffiorano dalla memoria di quei 108 «giorni tremendi», come li ha descritti uno dei pescatori in un verbale acquisito dalla Procura di Roma, che dal giorno del sequestro indaga contro ignoti per tortura, sequestro di persona e furto aggravato. Unodissea dal forte spessore politico, condotta dagli uomini della Cirenaica allindomani di una visita ufficiale del ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, atterrato a Tripoli per sostenere il governo riconosciuto dallOnu, presieduto allora da Fayez al-Sarraj. Una ritorsione bella e buona, eseguita dalle milizie di Haftar, a bordo dalla motovedetta libica Zawraka, intervenuta a 38 miglia dalle coste nordafricane, in una zona contesa in cui si pesca il pregiato gambero rosso di Mazara del Vallo…
Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Esteri / Dopo un anno di presidenza Biden la rotta migratoria Messico-Usa è ancora un inferno: la denuncia di Msf
Esteri / Pedofilia, quasi 500 vittime di abusi nella diocesi di Monaco. Ratzinger non agì di fronte a 4 casi
Esteri / “Fateci pagare più tasse”: l’appello di cento super ricchi ai grandi della terra
Ti potrebbe interessare
Esteri / Dopo un anno di presidenza Biden la rotta migratoria Messico-Usa è ancora un inferno: la denuncia di Msf
Esteri / Pedofilia, quasi 500 vittime di abusi nella diocesi di Monaco. Ratzinger non agì di fronte a 4 casi
Esteri / “Fateci pagare più tasse”: l’appello di cento super ricchi ai grandi della terra
Esteri / Djokovic ha comprato l’80% di un’azienda che lavora a una cura per il Covid
Esteri / Regno Unito, Johnson annuncia la fine delle restrizioni: ma la pandemia corre ancora
Esteri / Eruzione Tonga, Nasa: “500 volte più potente della bomba atomica su Hiroshima”
Esteri / Tonga: arrivano i primi aiuti dopo l’eruzione, ma le autorità temono che i soccorritori possano portare uno “tsunami di Covid”
Esteri / Nizza, spari in centro durante un blitz della polizia: un morto
Esteri / Gerusalemme, primo sfratto da cinque anni a Sheikh Jarrah: Israele demolisce la casa di una famiglia palestinese
Esteri / Ucraina, Blinken invita Putin a scegliere una via pacifica