Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 16:07
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

I personaggi famosi usati come nomi in codice per la droga negli Stati Uniti

Immagine di copertina

Da Donald Trump a Lady Gaga, una nuova ricerca mostra che i nomi di alcune celebrità sono utilizzati dagli spacciatori come soprannomi per le sostanze stupefacenti

Negli Stati Uniti chi cerca una dose di metanfetamina, dovrà solo chiedere allo spacciatore “un po’ di Donald Trump”. È questo il risultato di una nuova ricerca, pubblicata da un centro statunitense di raccolta dati sulle dipendenze, che rivela i nomi in codice più usati da spacciatori e consumatori di droghe.

Un fenomeno preoccupante visto che, secondo l’Istituto nazionale americano sull’abuso di droghe, negli Stati Uniti più di un ragazzo su dieci tra i 18 e i 25 anni ha fatto uso di sostanze illegali nel corso della sua vita.

Esiste da sempre un linguaggio segreto tra chi compra e chi vende stupefacenti, usato per paura di essere arrestati dalla polizia. Il sito americano ha intervistato duemila soggetti per scoprire quali sono le parole in codice più usate per parlare di droga ed acquistarla.

I dati mostrano che il 36,84 per cento dei giovani tra i 18 e i 29 anni che ha cercato di acquistare droga, non ci è riuscito perché non ha usato il gergo giusto con lo spacciatore a cui si sono rivolti. Gli intervistati appartenenti ad altre fasce d’età hanno avuto meno problemi ad acquistare sostanze illegali e a comunicare con i criminali.

Ma quali sono questi nomi in codice? La categoria delle celebrità è la più usata. Per comprare metanfetamina, gli americani chiedono del 45esimo presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Per la cocaina, fanno il nome della cantante angloitaliana Lady Gaga. Chi cerca funghi allucinogeni si riferisce a essi con il personaggio dei videogiochi SuperMario, mentre chi consuma eroina chiede del noto attore – nonché leggenda di internet – Chuck Norris.

Trump non è l’unico politico americano presente in lista né il solo inquilino della Casa Bianca. Richard Nixon, 37esimo presidente degli Stati Uniti, è il nome in codice per la marijuana. Chi chiede di Nancy Pelosi, deputata italoamericana, vuole acquistare Lsd. 

In questa strana lista sono nominati anche diversi personaggi storici, come l’ex dittatore nord coreano Kim Jong-il, morto nel 2011, il cui nome è ancora usato per indicare il crack, una sostanza ricavata dalla cocaina. Personalità come Malcolm X e Benjamin Franklin, che hanno segnato la storia degli Stati Uniti, vi figurano come sostituti rispettivamente di ecstasy – sostanza venduta in pillole nelle discoteche – e di alcuni psicofarmaci, le benzodiazepine, come  lo Xanax.

Questa sorprendente scoperta però non durerà a lungo. Logan Freedman, uno degli autori della ricerca, sostiene che probabilmente questi termini cambieranno velocemente ora che i dati sono diventati pubblici. 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Un “caso Floyd” in Europa: vittima un uomo di etnia Rom
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)