Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:37
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Perde il pene a causa di una grave infezione: i medici glielo fanno ricrescere sul braccio

Immagine di copertina

Perde il pene per un’infezione: i medici glielo fanno ricrescere sul braccio

Perde il pene a causa di una grave infezione, ma i medici glielo fanno ricrescere sul braccio: la surreale e incredibile vicenda è avvenuta nel Regno Unito e vede protagonista il 45enne Malcolm MacDonald. Secondo quanto raccontato da alcuni tabloid britannici, la storia dell’uomo, vittima di un singolare caso di malasanità, ha avuto inizio nel 2014 quando, a causa di una gravissima infezione al perineo, l’uomo ha perso l’utilizzo del suo pene. Il gruppo di medici che aveva seguito l’evoluzione della sua malattia, ha così suggerito a Malcolm di rivolgersi al sistema sanitario pubblico inglese richiedendo un finanziamento di 50mila sterline, volto alla realizzazione di un’operazione chirurgica per ricostruire il suo pene.

Ottenuti i soldi, l’uomo si è rivolto a uno specialista in materia: il medico David Ralph, a capo di un’equipe della University College Hospital di Londra. Questi, tuttavia, ha spiegato a Malcolm che la procedura di innesto richiedeva prima l’installazione del pene artificiale su un braccio e che poi questo, dopo 2 anni, sarebbe stato spostato nell’inguine. Secondo quanto ricostruito, i medici hanno preso un lembo di pelle dal braccio sinistro dell’uomo, lo hanno arrotolato con i propri vasi sanguigni e nervi e infine hanno installato due tubi gonfiati con una pompa manuale, ricostruendo l’uretra. Ma il peggio per l’uomo doveva ancora arrivare. Malcolm, che per anni ha dovuto camuffare la protuberanza sul suo braccio con maniche lunghe e camicie, dopo 2 anni ha scoperto che l’operazione di “trasferimento” dell’organo artificiale era stata rimandata di altri due anni a causa di un ritardo del sistema sanitario. Nel 2018 l’operazione è stata rinviata di un ulteriore anno, mentre la pandemia di Coronavirus ha prolungato ulteriormente l’operazione. “Se non potessi ridere del pene sul braccio, sarei finito” ha dichiarato Malcolm, che ora spera di riuscire ad avere il pene al posto giusto entro la fine dell’anno.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Ucraina, nuove sanzioni contro Russia e Bielorussia: “Useremo le loro proprietà per la nostra difesa”
Esteri / Messico, sub decapitato da uno squalo bianco lungo quasi sei metri
Esteri / Muore in casa ma nessuno si accorge di lei per tre anni
Ti potrebbe interessare
Esteri / Ucraina, nuove sanzioni contro Russia e Bielorussia: “Useremo le loro proprietà per la nostra difesa”
Esteri / Messico, sub decapitato da uno squalo bianco lungo quasi sei metri
Esteri / Muore in casa ma nessuno si accorge di lei per tre anni
Esteri / Iran, attacco con droni nella notte a Isfahan: i sospetti di Teheran su Israele
Esteri / Ucraina, Zelensky: “Servono missili a lungo raggio per fermare il terrore russo”
Esteri / Il flop degli Accordi di Abramo: affari d’oro sulla pelle dei palestinesi e niente pace
Esteri / Ucraina, la Difesa: “Nessun accordo Roma-Parigi per 700 missili Aster”
Esteri / Gerusalemme, nuovo attentato: 13enne spara e ferisce due persone, civili armati lo fermano | VIDEO
Esteri / Guerra in Ucraina, Kiev lancia l’allarme: “La Russia prepara una grande offensiva per il 24 febbraio”
Esteri / Stati Uniti, giovane afroamericano pestato a morte da 5 agenti: il video shock