Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:52
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Ecco perché la serie Grey’s Anatomy è finita sotto accusa

Immagine di copertina

La serie tv, tra le più amate in tutto il mondo, secondo un team di ricercatori americani potrebbe distorcere le aspettative sull'assistenza sanitaria dei pazienti

Il telefilm Grey’s Anatomy, connubio di amore e medicina, è stato messo sotto accusa da parte di un gruppo di ricercatori del St. Joseph’s Hospital & Medical Center di Phoenix, negli Stati Uniti.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La serie, tra le più amate dal pubblico italiano, ha raccolto diverse critiche a livello scientifico.

Secondo i ricercatori, nel famoso medical drama, le guarigioni dei pazienti sono troppo rapide e questo comporta il rischio di creare nelle persone delle aspettative distorte e poco ancorate alla realtà.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

Le patologie vengono individuate in tempi troppo rapidi, così come troppo rapidi sono i tempi di convalescenza dei pazienti. Se questo può considerarsi normale per una serie televisiva, secondo gli studiosi ciò distorce la percezione che gli spettatori hanno del sistema sanitario.

Sulle pagine della rivista Trauma Surgery & Acute Care Open i ricercatori hanno fatto un confronto tra le storie dei pazienti dei 269 episodi delle stagioni tra il 2005 e il 2016 e i traumi analoghi realmente subiti da oltre 4mila pazienti.

Comparando i casi reali e quelli della fiction, è emerso che circa il 71 per cento dei pazienti di Grey’s Anatomy veniva portato in sala operatoria direttamente dalle sale del pronto soccorso.

Nella vita reale invece il passaggio alla sala operatoria non si verifica così frequentemente, ma solo nel 25 per cento dei casi.

Per quanto riguarda inoltre i feriti considerati gravi, metà di quelli della serie ha avuto una convalescenza in ospedale inferiore a una settimana, una tempistica che nella realtà si registra solo per il 20 per cento dei pazienti gravi.

Le critiche mosse sono state sollevate proprio perché i ricercatori considerano la fase attuale molto delicata per la sanità americana.

I medical drama della televisione tendono a basarsi su trame che presentano malattie rare, con strani sintomi, il tutto però inquadrato in un contesto che non rispecchia la realtà.

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, rifiuta di indossare una mascherina in volo e si abbassa i pantaloni: 29enne rischia fino a 20 anni
Esteri / Tonga, un uomo è sopravvissuto 27 ore in mare dopo lo tsunami
Esteri / Olanda: “Pronti a fornire supporto militare all’Ucraina”
Esteri / L’Ue ristabilisce una “presenza minima” in Afghanistan: “Ma non riconosciamo i talebani”
Esteri / L’Ucraina accusa la Russia: “Ha aumentato le forniture militari a separatisti”
Esteri / L’Austria approva l’obbligo vaccinale: è il primo Paese in Europa
Esteri / Dopo un anno di presidenza Biden la rotta migratoria Messico-Usa è ancora un inferno: la denuncia di Msf
Esteri / Pedofilia, quasi 500 vittime di abusi nella diocesi di Monaco. Ratzinger non agì di fronte a 4 casi
Esteri / “Fateci pagare più tasse”: l’appello di cento super ricchi ai grandi della terra
Esteri / Djokovic ha comprato l’80% di un’azienda che lavora a una cura per il Covid