Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 08:25
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Una pennetta USB con informazioni riservate sulla Regina è stata trovata per strada a Londra

Immagine di copertina
Credit: AFP

Conteneva alcuni codici di sicurezza dell'aeroporto di Heathrow, inclusi gli itinerari degli spostamenti della regina Elisabetta. L'ha ritrovata un passante per caso

Una chiavetta USB contenente alcuni codici di sicurezza dell’aeroporto di Heathrow, inclusi gli itinerari degli spostamenti della regina Elisabetta, è stata ritrovata per strada a Londra.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La pennetta è stata rinvenuta per caso da un passante a Ilbert Street, vicino a Queen’s Park, nella parte ovest della città. Mosso dalla curiosità, l’uomo si è recato alla prima biblioteca pubblica per collegare il dispositivo a un computer e verificarne il contenuto. Attestata la delicatezza dei file, ha deciso di consegnare la chiavetta al Sunday Mirror, che ha riportato per primo la notizia.

Il supporto informatico da 2,5 GB racchiudeva 76 file ritenuti delicati sulla sicurezza nazionale. Secondo quanto riporta il giornale, le informazioni all’interno non sarebbero state “criptate”, né tantomeno protette da password.

Nel dettaglio, la chiavetta conteneva informazioni riguardanti la sicurezza di Heathrow, il principale aeroporto della capitale britannica, corredate da foto e mappe, lo schema di una serie di tunnel interni all’hub per arrivare al treno Heathrow Express, gli itinerari seguiti dai ministri del governo e dagli ospiti stranieri, particolari sul sistema radar a ultrasuoni utilizzato per scansionare le piste di atterraggio.

Le altre informazioni riguardavano la Regina. Oltre alle mappe dei suoi spostamenti quando si reca all’aeroporto, è stato svelato anche il piano di emergenza studiato per metterla in salvo in caso di situazioni di pericolo.

Le autorità aeroportuali hanno dichiarato che i piani di sicurezza dello scalo sono stati prontamente modificati. Inoltre è stata avviata un’inchiesta interna con lo scopo di individuare eventuali responsabili della fuga di notizie.

Il timore è che questi dati possano essere stati rivenduti online, dove generalmente terroristi e criminali acquistano informazioni segrete, protetti dall’anonimato del web. Heathrow è l’aeroporto più trafficato di tutta Europa e si posiziona settimo nel mondo per passeggeri, motivo per cui può considerarsi come un bersaglio ad alto rischio di attacchi.

Scotland Yard non ha ancora rilasciato dichiarazioni.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Costretti a vivere tra le macerie: le vite spezzate dei bambini a Raqqa
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Ti potrebbe interessare
Esteri / Costretti a vivere tra le macerie: le vite spezzate dei bambini a Raqqa
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Esteri / Pizza per l’Italia e Chernobyl per l’Ucraina: la gaffe della tv sudcoreana alle Olimpiadi di Tokyo
Esteri / “Una storia horror? Vacanza-studio in Italia”, il tweet di Amanda Knox scatena le polemiche
Esteri / Il Papa: “Ogni giorno 7mila bambini muoiono di fame, è uno scandalo”
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”