Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il partito di Putin stravince alle elezioni parlamentari in Russia

Immagine di copertina

Russia Unita, guidata dal premier Dmitry Medvedev ha ottenuto il 54,2 per cento dei voti, ma l’affluenza ha registrato un forte calo

Il partito di Vladimir Putin, Russia Unita, ha vinto le elezioni parlamentari con il 54,2 per cento dei voti, che gli valgono 343 seggi sui 450 della Duma, staccando notevolmente gli avversari: i comunisti, secondo partito, sono appena al 13,5 per cento, i Liberal-democratici al 13,2 per cento e Russia Giusta al 6,2 per cento.

I primi quattro partiti sono fedeli al presidente Putin, mentre le opposizioni extraparlamentari non hanno superato la soglia di sbarramento del 5 per cento e nemmeno quella del 3 per cento, che dà accesso al finanziamento pubblico: Parnas, dell’ex premier Mikhail Kasyanov, è allo 0,7 per cento, mentre Yabloko all’1,8 per cento.

Irregolarità nelle votazioni sono state rilevate in diverse aree del paese e il capo della commissione elettorale Ella Pamfilova, una rispettata attivista per i diritti umani, ha detto che i risultati potrebbero essere annullati in tre seggi.

L’esito del voto ha addirittura accresciuto la maggioranza di Russia Unita, guidata dal primo ministro Dmitry Medvedev, che alle elezioni per la Duma del 2011 aveva raggiunto il 49 per cento dei voti.

Tuttavia l’affluenza alle elezioni è stata in forte calo: hanno votato solo il 47,8 per cento degli aventi diritto, mentre alle legislative del 2011 era stata del 60 per cento. Su Twitter alcuni elettori delusi hanno postato le foto delle loro schede elettorali senza timbro e hanno ironizzato sostenendo di aver votato per Pikachu, uno dei Pokemon.

Le elezioni sono state le prime in cui si è votato anche in Crimea, sottratta all’Ucraina e annessa dalla Russia nel 2014 nonostante la condanna della comunità internazionale. In Cecenia, il leader Ramzan Kadyrov, alleato di ferro di Putin che governa la regione del nord Caucaso con un pugno di ferro, ha ottenuto una vittoria del 98 per cento.

Il risultato alle elezioni per la Duma era scontato, sia a causa della scarsa democrazia nella Federazione russa, sia per la reale popolarità di Putin, che ha governato la Russia come presidente o premier negli ultimi 17 anni.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”
Esteri / Indonesiano positivo al Covid finge di essere la moglie e prende un aereo: scoperto durante il volo
Esteri / Come funziona il Green Pass all’estero: ecco i Paesi dove è obbligatorio e per quali attività
Esteri / Ombre cinesi sul G20 di Napoli: Pechino complica l'accordo sul clima
Esteri / “Chiedono il vaccino ma è troppo tardi”: il racconto del medico che cura i pazienti Covid non vaccinati
Esteri / Ungheria, Orban sfida l'Ue: "Un referendum sulla legge anti-Lgbtq"
Esteri / Jeff Bezos ringrazia i dipendenti e i clienti Amazon: “Avete pagato il mio volo nello spazio”
Esteri / C'è anche Macron nella lista dei probabili spiati col software Pegasus