Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:49
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il Parlamento europeo boccia una risoluzione sui porti aperti ai migranti grazie anche all’astensione del M5S

Immagine di copertina
Credits: Ansa

Il voto ha letteralmente spaccato in due l'Eurocamera rendendo plasticamente evidente la forte divergenza dell'Europa sul tema dell'immigrazione.

Il Parlamento europeo boccia risoluzione sui porti aperti ai migranti grazie astensione M5S

Il Parlamento europeo ieri ha bocciato una risoluzione sui porti aperti ai migranti con soli due voti di margine: il M5S ha deciso per l’astensione ed è stato l’ago della bilancia decisivo per la bocciatura. Il testo del provvedimento proponeva di aprire i porti alle Ong impegnate nel salvataggio dei migranti ma la risoluzione non è passata: 290 sono stati i voti contrari, 288 quelli a favore e 36 le astensioni.

La proposta era arrivata sul tavolo dell’Europarlamento grazie al presidente della Commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni Juan Fernando López Aguilar, favorevole a facilitare le operazioni di salvataggio delle organizzazioni umanitarie.

14 eurodeputati del M5S si sono astenuti e visto il poco scarto con cui è stata bocciata la mozione, la loro (non) decisione è stata determinante. Il gruppo dei Socialisti&Democratici di cui fa parte anche il Pd ha votato compattamente a favore. Favorevoli anche i Verdi, e il gruppo di sinistra radicale del Gue. Un no secco è arrivato invece da parte del gruppo dei Popolari, dal gruppo dei Conservatori e Riformisti e dai sovranisti di Identità e democrazia di cui fa parte la Lega.

La risoluzione si articolava in 18 punti che miravano non solo a mantenere i porti aperti alle Ong ma anche a favorire un meccanismo equo di redistribuzione dei migranti tra gli Stati membri. Il voto ha letteralmente spaccato in due l’Eurocamera, rendendo plasticamente evidente la forte divergenza dell’Europa sul tema dell’immigrazione.

2018: l’anno orribile per i migranti. I dati del dossier Idos 2019

Ti potrebbe interessare
Esteri / New York vuole offrire il vaccino Johnson&Johnson a tutti i turisti
Esteri / La città giapponese che ha speso i soldi del Recovery per costruire la statua di un calamaro gigante
Esteri / In Colombia la polizia spara su studenti e operai: oltre 30 morti e 800 arresti
Ti potrebbe interessare
Esteri / New York vuole offrire il vaccino Johnson&Johnson a tutti i turisti
Esteri / La città giapponese che ha speso i soldi del Recovery per costruire la statua di un calamaro gigante
Esteri / In Colombia la polizia spara su studenti e operai: oltre 30 morti e 800 arresti
Esteri / Sospensione brevetti vaccini, Ue spaccata: Italia e Francia a favore, Germania contro
Esteri / La guerra della pesca: cosa sta succedendo nella Manica tra Francia e Regno Unito
Esteri / Donna scomparsa ritrovata in un canyon: è sopravvissuta 5 mesi mangiando erba e muschio
Esteri / L’ascesa della lady di ferro di Madrid che ha stravinto le elezioni tenendo aperti i ristoranti
Esteri / Usa, giustiziato per omicidio: 4 anni dopo test scoprono DNA di un altro
Esteri / Francia e Regno Unito inviano navi da guerra nella Manica: alta tensione sulla pesca
Esteri / Un agricoltore ha spostato per sbaglio il confine tra Francia e Belgio