Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:35
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il centro di detenzione di Manus Island è illegale, stabilisce la Papua Nuova Guinea

Immagine di copertina

Circa 800 persone sono detenute nel centro per conto dell'Australia, che ha suscitato le critiche della comunità internazionale per il trattamento dei richiedenti asilo

La Corte Suprema della Papua Nuova Guinea (Png) ha stabilito martedì 26 aprile 2016 che la detenzione di richiedenti asilo sull’isola di Manus, appartenente alla Png, da parte dell’Australia è illegale e deve finire. Il verdetto rileva infatti che essa viola la costituzione del paese.

Secondo la controversa legislazione australiana in materia di immigrazione, chiunque venga intercettato mentre tenta di raggiungere l’Australia su una barca viene spedito nei campi di Nauru e Manus per le procedure amministrative, senza la possibilità di essere un giorno reinsediati nel paese come rifugiati.

Più di 800 persone sono attualmente detenute sull’isola di Manus per conto dell’Australia. Il centro detentivo di Nauru ospita altre 500 persone circa ed è stato aspramente criticato dalle Nazioni Unite e dalle agenzie per i diritti umani per le condizioni inumane e i rapporti che indicano i sistematici abusi su minori.

Il ministro per l’Immigrazione australiano Peter Dutton ha detto che la decisione della Corte Suprema della Png non cambierà la politica australiana di detenzione extra-territoriale.

“Non altera le politiche australiane rispetto alla protezione dei confini – esse restano invariate”, ha dichiarato Dutton.

“Coloro che si trovano nel Centro di smistamento regionale sull’isola di Manus e che ottengono lo status di rifugiati potranno insediarsi in Papua Nuova Guinea. Coloro che non otterranno lo status di rifugiati devono tornare nel proprio paese di origine”, ha aggiunto Dutton.

La politica australiana nei confronti dei richiedenti asilo ha attratto molte critiche a livello internazionale dai gruppi in difesa dei diritti umani.

“Alcune persone sono state detenute per più di tre anni, contravvenendo alle leggi della Papua Nuova Guinea, in condizioni oltraggiose”, ha dichiarato Elaine Pearson, il direttore nazionale di Human Right Watch.

“È ora di fermare gli abusi su persone vulnerabili che chiedono solo sicurezza e l’opportunità di ricostruire le proprie vite”, ha aggiunto Pearson.

–Leggi anche: Un’isola messa in ginocchio dall’Australia

L’isola dove l’Australia spedisce i rifugiati che non vuole

Ti potrebbe interessare
Esteri / Nonostante la pandemia molti ospedali negli USA continuano a portare in tribunale i pazienti che non possono permettersi le cure
Esteri / Nati a pochi minuti di distanza, due gemelli indiani di 24 anni muoiono di Covid a poche ore l’uno dall’altro
Esteri / Le testimonianze da Gaza di due bambini di 10 anni: “Perché ci bombardate?”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Nonostante la pandemia molti ospedali negli USA continuano a portare in tribunale i pazienti che non possono permettersi le cure
Esteri / Nati a pochi minuti di distanza, due gemelli indiani di 24 anni muoiono di Covid a poche ore l’uno dall’altro
Esteri / Le testimonianze da Gaza di due bambini di 10 anni: “Perché ci bombardate?”
Esteri / Moni Ovadia a TPI: "Israele non ha mai voluto la pace"
Esteri / Naomi Campbell diventa madre a 51 anni: “Una piccola benedizione”
Esteri / Migranti, oltre 6.000 arrivi in un giorno a Ceuta: Sanchez annulla viaggio a Parigi
Esteri / Biden: "Israele ha il diritto di difendersi, appoggiamo il cessate il fuoco". Ma la tregua è lontana
Esteri / “Palestinian lives matter”: ora non è più solo Bernie Sanders a criticare Israele nel Congresso USA
Esteri / Associated Press chiede un’inchiesta indipendente sul bombardamento del palazzo dei media a Gaza
Esteri / “Bill Gates ha lasciato la presidenza Microsoft a causa di una relazione con una dipendente”