Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:04
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Ritrovate le spoglie di Khaled al Asaad, l’archeologo “custode” di Palmira decapitato dall’Isis

Immagine di copertina
Khaled al Assaad

Era sepolto nel deserto il martire dell'antica città romana. Gli uomini del Califfato gli tagliarono la testa nel 2015 perché non voleva abbandonare il suo museo e rivelare dove aveva nascosto i preziosi reperti romani

Siria, ritrovate le spoglie dell’archeologo “martire” di Palmira

Le spoglie ritrovate nella regione di Palmira, a nord-est di Damasco, sembrano essere dell’archeologo siriano Khaled al Assaad. Il custode dell’antica città romana brutalmente ucciso dall’Isis il 18 agosto 2015 era quindi sepolto nel deserto. La notizia arriva dall’agenzia governativa siriana Sana.

La sua uccisione, allora 80enne, aveva suscitato sdegno e commozione in tutto il mondo. Khaled al Assaad era riuscito a nascondere centinaia di statue in un luogo sicuro prima che gli estremisti dello Stato islamico arrivassero a conquistare la ‘sposa del deserto’, la città patrimonio Unesco dell’umanità.

Era stato catturato dall’Isis nella zona di Palmira. Dopo esser stato torturato, gli uomini del Califfato l’hanno tenuto prigionierio per quattro settimane affinché rivelasse dove aveva messo al riparo i reperti romani. Poi gli hanno tagliato la testa. L’hanno decapitato al centro dell’anfiteatro della sua Palmira davanti a un pubblico che ha assistito all’esecuzione.

Khaled al Assaad, o “Mr Palmira” aveva dedicato sin dagli anni ’60 il suo lavoro di studioso al monumentale sito archeologico in collaborazione con missioni archeologiche internazionali e con l’Unesco. Assaad aveva ricevuto diverse onorificenze durante la sua attività e anche post mortem. In Italia, nell’ottobre del 2015 il presidente della Repubblica Sergio Mattarella aveva intitolato all’archeologo siriano l’area di interesse culturale degli Arsenali della Repubblica a Pisa, allora appena restaurati. Sempre nel 2015 Khaled al Assaad era stato onorato come “giusto” al Giardino dei Giusti a Milano.

L’agenzia Sana afferma che il ritrovamento delle spoglie di Assaad, assieme ai resti di altri due corpi, è avvenuto nella località di Kahlul, a est di Palmira. I resti del corpo del “martire” sono ora a Damasco in attesa del test del DNA che dovrà confermare o smentire l’identità.

Leggi anche: 1. Siria, Assad sta vincendo: viaggio nella capitale del regime (Reportage TPI di Benedetta Argentieri);  2. Ecco il nuovo scempio dell’Isis nell’antica Palmira

Ti potrebbe interessare
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”
Ti potrebbe interessare
Esteri / “È un terrorista”: Tokyo, atleta iraniano accusato dopo l’oro nella pistola
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”
Esteri / Teologo musulmano critica i completi delle pallavoliste turche: “Siete sultani della fede, non dello sport”
Esteri / Variante Delta, Fauci: “Vaccinati o no, la contagiosità dei positivi è identica”
Esteri / Obbligo di vaccino per i dipendenti Google e Facebook
Esteri / A che punto è la crisi politica in Tunisia: Said licenzia 20 alti funzionari di governo
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Esteri / In Germania è iniziata ufficialmente la quarta ondata di Covid
Esteri / Influencer di giorno, narcotrafficante di notte: arrestata la 19enne "Miss Cracolandia"