Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il figlio piange troppo, lui lo scuote così violentemente da ucciderlo

Immagine di copertina
Matthew Jones e il piccolo Cody

Un padre uccide il figlio di quindici settimane che piange troppo.

L’episodio drammatico risale al 7 dicembre del 2016 quando Matthew Jones, allora 23 anni, si trovava da solo in casa con il suo Cody, il bambino nato 15 settimane prima dalla sua relazione con la compagna.

Quella sera il piccolo Cody non smetteva di piangere. Matthew, esausto, aveva perso il controllo, aveva preso il bambino e iniziato a scuoterlo più e più volte. La violenza con cui il 23enne aveva scosso il bambino di 15 mesi è stata tale da provocargli dei danni cerebrali importanti che l’avevano portato prima al coma e poi alla morte, nel giro di 24 ore.

Dopo essersi reso conto di quanto avvenuto, Matthew aveva immediatamente chiamato i soccorsi. Subito un’ambulanza era arrivata all’appartamento del giovane, che, però, non aveva detto la verità: non aveva confessato che a provocare la morte di Cody era stato lui.

Agli agenti di polizia, il ragazzo aveva detto che il bambino era morto per cause accidentali. I quotidiani del Galles allora avevano riportato le parole del ragazzo: “Lo stavo tenendo in braccio, quando mi è scivolato, è rimbalzato sul letto e ha battuto la testa a terra”.

A confutare quanto affermato allora dal ragazzo è stata l’autopsia. L’esame condotto sul corpicino senza vita di Cody non confermava quanto riferito dal padre. Sul corpo, infatti, c’erano delle lesioni pregresse.

Dopo due anni, però, giustizia è stata fatta per il piccolo Cody. Matthew Jones è stato condannato, nonostante i suoi avvocati abbiano cercato di ottenere delle attenuanti. A sua difesa, i legali hanno detto che in quel momento il ragazzo “era molto stressato, nei giorni precedenti all’omicidio aveva lavorato in fabbrica per troppe ore ed era molto frustrato per non riuscire a dare una vita dignitosa dal punto di vista economico al piccolo”. Per gli avvocati, Matthew si sarebbe pentito di quanto fatto. Alla fine la condanna è stata di nove anni di carcere.

Torturano e uccidono la compagna di scuola perché “troppo attraente”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Vaiolo delle scimmie, l’Oms avverte: “Quadro in rapida evoluzione”
Esteri / Sparatoria in una scuola in Germania: almeno un ferito, fermato un sospetto
Esteri / La gaffe di George W. Bush: “La brutale invasione dell’Iraq… volevo dire “dell’Ucraina” | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Vaiolo delle scimmie, l’Oms avverte: “Quadro in rapida evoluzione”
Esteri / Sparatoria in una scuola in Germania: almeno un ferito, fermato un sospetto
Esteri / La gaffe di George W. Bush: “La brutale invasione dell’Iraq… volevo dire “dell’Ucraina” | VIDEO
Esteri / Guerra in Ucraina, Google chiude i suoi uffici in Russia
Esteri / Guerra in Ucraina, telefonata tra i capi di Stato maggiore di Usa e Russia. Mosca: "Pronti per ripresa negoziati". Erdogan: no a Svezia e Finlandia nella Nato.
Esteri / Il giornalista russo Solovyov ancora contro Draghi: “Non lo ha eletto nessuno”
Esteri / Giappone, 24enne riceve per errore 340mila euro di aiuti per il Covid e se li gioca tutti al casinò
Esteri / Ucraina, soldato russo “ha chiuso la famiglia in uno scantinato e stuprato una ragazza”
Esteri / Drone russo sgancia una granata dentro a un bicchiere di plastica | VIDEO
Cronaca / Mosca espelle 24 diplomatici italiani: “Da Roma azioni ostili e immotivate”