Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 08:41
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

L’opposizione siriana si ritira a tempo indeterminato dai negoziati di pace

Immagine di copertina

La ripresa della partecipazione dipenderà dalla “correzione del percorso dei negoziati”

L’opposizione siriana ha fatto sapere di aver rimandato la sua partecipazione ai negoziati di pace sulla Siria a tempo indeterminato. La ripresa dipenderà dalla “correzione del percorso dei negoziati”. 

L’opposizione ha inoltre avanzato forti lamentele sulla politica degli Stati Uniti, che continua a organizzare colloqui “senza che noi otteniamo qualcosa di concreto”, ha detto George Sabra, che ha invitato la comunità internazionale a fornire ai siriani i mezzi per difendersi. 

Il comitato per le negoziazioni ha accusato le forze governative di aver definitivamente fatto saltare il cessate il fuoco, in corso dal 27 febbraio scorso. I combattimenti si stanno intensificando negli ultimi giorni, in particolar modo nella zona di Aleppo.

Il Cremlino ha commentato la scelta dell’opposizione sostenendo la necessità di far continuare i colloqui. “La necessità di proseguire il dialogo e di mantenere la tregua è stata ribadita ieri in un colloqui telefonico tra il presidente degli Stati Uniti Barack Obama e il presidente russo Vladimir Putin”, ha detto il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov.  

— LEGGI ANCHE: La tregua in Siria è a rischio e i colloqui di pace sono più instabili che mai

Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"
Esteri / Quattro podcast che raccontano quattro storie di giovani donne afghane
Esteri / Dalla conversione all’Islam ai precedenti: chi è l’attentatore di Kongsberg armato di arco e frecce