Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:33
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Nel 2015 sono state quasi cento le accuse di violenza sessuale contro i peacekeeper dell’Onu

Immagine di copertina

Sono aumentate rispetto alle 80 accuse del 2014. La maggior parte delle accuse, 69 in tutto, riguarda il personale coinvolto in 10 missioni di pace

Nel corso del 2015 ci sono state 99 nuove accuse di violenza sessuale nei confronti dei caschi blu delle Nazioni Unite. Sono aumentate rispetto alle 80 accuse del 2014. 

La maggior parte delle accuse, 69 in tutto, riguarda il personale coinvolto in 10 missioni di pace. Il personale militare e di polizia è accusato di reati sessuali durante il servizio. 

Il rapporto di Ban Ki-moon, il segretario generale delle Nazioni Unite, non identifica le nazionalità dei 30 membri del personale delle Nazioni Unite accusati di abuso o sfruttamento che non lavoravano per missioni di pace. 

Le indagini contenute nel rapporto sono state la risposta agli ultimi casi di stupri e abusi sessuali da parte di truppe internazionali in Repubblica Centrafricana

La maggior parte delle accuse coinvolgono membri provenienti dalla Repubblica Democratica del Congo, sette in tutto.

Ma ci sono state denunce contro peacekeeper di Burundi, Germania, Ghana, Senegal, Madagascar, Ruanda, Congo, Burkina Faso, Camerun, Tanzania, Slovacchia, Niger, Moldavia, Togo, Sudafrica, Marocco, Benin, Nigeria e Gabon.

Oltre alla Repubblica Centrafricana, i fatti hanno coinvolto missioni di pace in luoghi come Haiti, Mali, Repubblica Democratica del Congo e Costa d’Avorio.

Il rapporto contiene raccomandazioni per gli Stati membri affinché rendano più facile identificare i presunti responsabili e li sottopongano a giudizio.

Si chiede inoltre che l’assemblea generale dell’Onu crei un registro del Dna di tutti i peacekeeper. 

Nel mese di dicembre una commissione di revisione indipendente aveva accusato le Nazioni Unite e le sue agenzie di trattare con superficialità le numerose accuse di abusi sessuali su minori da parte di truppe straniere in Repubblica Centroafricana tra il 2013 e il 2014.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Ti potrebbe interessare
Esteri / Un nuovo Commonwealth con i Paesi europei più ostili alla Russia: il piano di Boris Johnson
Esteri / Muskgate: l’accusa di molestie e il giallo dei 250mila dollari pagati da SpaceX
Esteri / L’Oklahoma approva la legge contro l’aborto: è la più restrittiva degli Usa
Esteri / La disperata fuga in auto sulle strade del Donbass tra le bombe dei russi
Esteri / Guerra in Ucraina, Lavrov: sappiamo del piano italiano solo dalla stampa. L'Italia revoca 4 onorificenze ai russi "per indegnità"
Esteri / Strage in Texas, chi è Salvador Ramos: il killer che ha sparato a scuola uccidendo 19 bambini
Esteri / Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”
Esteri / Elon Musk sulla crisi demografica in Italia: “Se continua così non ci saranno più italiani”
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Esteri / Strage in Texas, la rabbia del coach Nba Steve Kerr che irrompe in conferenza stampa: “Non parlerò di basket”