Covid ultime 24h
casi +18.916
deceduti +280
tamponi +323.047
terapie intensive +22

La Corea del Sud accusa funzionari del governo nordcoreano per l’omicidio di Kim Jong-nam

L'agenzia di intelligence di Seoul ha individuato nei servizi segreti e nel ministero degli Esteri di Pyongyang i responsabili dell'agguato del 13 febbraio a Kuala Lumpur

Di TPI
Pubblicato il 27 Feb. 2017 alle 13:20 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 21:34
0
Immagine di copertina

Continuano le indagini sull’uccisione del fratellastro del leader nordcoreano Kim Jong-un. Dopo il video dell’agguato in aeroporto ai danni di Kim Jong-nam, avvenuto il 13 febbraio, la Corea del Sud accusa alcuni funzionari del governo nordcoreano, secondo Reuters. I sospettati avrebbero organizzato e ordinato l’omicidio.

L’agenzia di intelligence sudcoreana ha individuato otto possibili responsabili. Tra di loro ci sarebbero quattro persone riconducibili ai servizi segreti di Pyongyang, capitale della Nord Corea, e due al ministero degli Esteri. La notizia è stata comunicata dal parlamento sudcoreano sulla base del report fornito dall’agenzia. 

*Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come.*

L’ipotesi sui mandanti dell’omicidio del fratellastro del dittatore nordcoreano è stata confermata anche dalle autorità statunitensi che indagano sull’accaduto. La Corea del Nord non ha ancora riconosciuto in Kim Jong-nam la vittima dell’agguato avvenuto nello scalo aeroportuale della capitale malese Kuala Lumpur. Kim Jong-un sarebbe stato avvelenato con il gas nervino. Il governo nord coreano aveva parlato di una cospirazione organizzata nei suoi confronti dal suo vicino meridionale. 

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.** 

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.