Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:08
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Al vertice sui rifugiati sono stati promessi 4,5 miliardi di dollari di aiuti in più

Immagine di copertina

Inoltre, i paesi che hanno partecipato hanno deciso di accogliere 360mila rifugiati, ma non è ancora abbastanza

Si è svolto nella giornata di ieri il vertice sulla crisi dei rifugiati promosso, a margine dell’annuale serie di incontri dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite e New York, dal presidente americano Barack Obama.

Le oltre 50 nazioni e organizzazioni internazionali che hanno partecipato al summit hanno promesso di aumentare il proprio contributo umanitario di quest’anno di 4,5 miliardi di dollari (circa 4 miliardi di euro).

Obama ha detto che la crisi dei rifugiati è un test per il sistema internazionale e che tutti i paesi devono assumersi la propria parte di responsabilità, dato che attualmente la stragrande maggioranza dei rifugiati sono ospitati in soli dieci paesi.

“Dobbiamo riconoscere che i rifugiati sono il sintomo di fallimenti più grandi – che si tratti di guerre, di tensioni etniche o di persecuzioni”, ha detto Obama. 

“Ci troviamo di fronte a una crisi di proporzioni epiche. Non possiamo distogliere lo sguardo e voltare le spalle. Sbattere la porta in faccia a queste famiglie vorrebbe dire tradire i nostri valori più profondi”.

I paesi che hanno partecipato al vertice sui rifugiati hanno anche promesso di accogliere 360mila rifugiati, raddoppiando il numero dei posti offerti lo scorso anno, ha riferito Samantha Power, ambasciatrice degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite.

Tuttavia, e come ha puntualizzato la stessa Power, si tratta ancora di una minima frazione degli 1,2 milioni di rifugiati che hanno necessità di essere ricollocati.

Inoltre, i leader dei paesi che ospitano i numeri più alti di rifugiati, come il re Abdullah di Giordania, hanno rimarcato che le promesse fatte durante il vertice non significano nulla se non verranno mantenute, ricordando come quelle fatte in occasione del vertice di Londra in febbraio non si sono materializzate.

— LEGGI ANCHE: I 6 paesi più ricchi della Terra ospitano meno del 9 per cento dei rifugiati mondiali

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Somalia, ucciso da una bomba Omar Hassan: era stato condannato e poi assolto per l’uccisione di Ilaria Alpi
Esteri / Bimbo palermitano di sei anni muore a Sharm el-Sheik, ipotesi intossicazione. Il padre è in terapia intensiva
Esteri / Regno Unito, dimissioni a raffica dal governo Johnson: “Ha le ore contate”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Somalia, ucciso da una bomba Omar Hassan: era stato condannato e poi assolto per l’uccisione di Ilaria Alpi
Esteri / Bimbo palermitano di sei anni muore a Sharm el-Sheik, ipotesi intossicazione. Il padre è in terapia intensiva
Esteri / Regno Unito, dimissioni a raffica dal governo Johnson: “Ha le ore contate”
Esteri / Forbes, Rihanna è la più giovane miliardaria degli Stati Uniti. Ma non grazie alla musica
Esteri / Cile, riceve per errore lo stipendio 330 volte, si dimette e fugge: ricercato
Esteri / Estradato dal Brasile il boss Rocco Morabito, deve scontare 30 anni di carcere
Esteri / Guerra in Ucraina, Ankara verso confisca del grano sul cargo russo. Di Maio: "Rafforzamento Nato dimostra fallimento Putin"
Esteri / Vertice italo-turco, Erdogan: “Con Italia rapporti sempre più sviluppati”. Draghi: “Turchi partner, amici e alleati”
Esteri / InvestEU: la Commissione Europea e l’italiana Cassa Depositi e Prestiti firmano il primo accordo europeo di Advisory
Esteri / Lumache giganti invadono il Sud della Florida: una città in quarantena