Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:42
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Obama annuncia maggiori controlli sulle armi negli Stati Uniti

Immagine di copertina

Il presidente americano ha annunciato che introdurrà leggi più stringenti sul commercio di armamenti

Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha annunciato una serie di misure per il controllo della vendita delle armi negli Stati Uniti.

Obama ha incontrato nella giornata del 5 gennaio i parenti delle vittime delle sparatore e ha discusso con loro la nuova regolamentazione che aveva detto di voler adottare alla stampa nella serata di lunedì 4 gennaio. Durante l’incontro Obama è apparso molto emozionato e non ha trattenuto le lacrime.

La nuova normativa prevede che tutti i commercianti attivi “nel business della vendita di armi da fuoco” debbano ottenere una licenza federale anche se vendono le loro merci online, o nelle fiere. Ciò significa che i venditori saranno più controllati.

Anche chi acquista le armi verrà sottoposto a maggiori controlli sul proprio passato e la propria vita e i precedenti penali.

Obama era già intervenuto sulla vendita delle armi nel 2013, dopo il massacro nella scuola elementare di Hook Sandy nello stato del Connecticut. Ma la nuova legislazione sarà più stringente.

Dopo l’incontro con le famiglie delle vittime, Obama ha fatto sapere che la nuova normativa diventerà operativa per decreto perché “l’America non può aspettare”. La normativa dovrà poi essere vagliata dal Congresso che attualmente è maggioranza repubblicana.

Obama ha anche detto che “la lobby delle armi può tenere in ostaggio il Congresso, ma non può tenere in ostaggio l’America” e ha citato la diminuzione del 40 per cento dei casi di violenza nello stato del Connecticut dove è già stata approvata una normativa più stringente sulla vendita e l’acquisto delle armi.

I critici dicono che, in ogni caso, l’unico modo che hanno gli Stati Uniti di portare le sparatorie a livelli minimi è quello di seguire l’esempio dell’Australia che nel 1996 ridusse drasticamente le possibilità di possesso legale di armi da fuoco nel paese.

(Il video dell’annuncio delle misure stabilite da Barack Obama per il controllo sulla vendita delle armi)

Ti potrebbe interessare
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Esteri / Bradley Cooper minacciato nella metropolitana di New York: “Aggredito con un coltello”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Esteri / Bradley Cooper minacciato nella metropolitana di New York: “Aggredito con un coltello”
Esteri / AIRL, a Roma il Gala dell’amicizia italo-libica: “Che sia l’inizio di una nuova vita, di una stretta collaborazione”
Esteri / Variante, nel Regno Unito torna l’obbligo di mascherina nei luoghi e sui mezzi pubblici
Esteri / Austria, morto di Covid l’esponente No Vax Biacsics: aveva tentato di curarsi con clisteri di candeggina
Esteri / Usa, sparatoria in una scuola del Michigan: 15enne apre il fuoco sui compagni. Morti 3 studenti
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa