Me

Notre Dame, cosa resta della Cattedrale dopo l’incendio

Di Luca Serafini
Pubblicato il 16 Apr. 2019 alle 07:44 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 23:32
Immagine di copertina
Credit: Zakaria ABDELKAFI /AFP

Il terribile incendio divampato nella Cattedrale di Notre Dame, a Parigi, lunedì 15 aprile, ha fatto crollare due terzi del tetto e la guglia di 45 metri. Una delle due torri è stata gravemente danneggiata e un vigile del fuoco è rimasto gravemente ferito.

La struttura principale della Cattedrale, però, è stata salvata. Anche il rosone nord non è stato danneggiato in maniera significativa. Il rogo è stato domato attorno alle due di notte di martedì 16 aprile.

Incendio a Notre-Dame: cosa è sfuggito alle fiamme:

-Le sedici statue della guglia

Sedici statue sono scampate all’incendio poiché erano state rimosse dalla guglia l’11 aprile per lavori di ristrutturazione.

Si trattava di statue che si trovavano nella guglia da 150 anni e che erano state temporaneamente trasferite. Giovedì scorso una gru le aveva prelevate dalla Cattedrale.

-La corona di spine

Si tratta della più preziosa reliquia della passione di Cristo conservata a Notre Dame. è composta da un cerchio di giunchi intrecciati con dei fili d’oro, di un diametro di 21 centimetri sul quale si trovano le spine, secondo quanto riportato dal sito della cattedrale.

Altre reliquie legate alla passione di Cristo che si sono salvate: il frammento di legno della Croce, pezzo lungo 24 centimetri e conservato in uno scrigno di cristallo, e il chiodo, conservato in un altro reliquiario di cristallo

-La tunica di San Luigi

Si tratta della tunica del re San Luigi, conservata all’interno della cattedrale, è stata portata fuori proprio all’inizio dell’incendio

-Una delle guarnizioni dell’altare

La guarnizione comprende una croce con sei candelieri, due grandi candelabri, un santo martire e una Vergine con bambino.

-La Sacrestia della Cattedrale

L’incendio ha risparmiato anche la Sacrestia. I pezzi di oreficeria, considerati come meno fragili e meno minacciati dalle fiamme, sono stati lasciati sul posto dai pompieri

-Le porte

I portali della facciata occidentale (l’entrata principale) sono stati risparmiati. Vale a dire: Il “Portale della Vergine” situato a sinistra e raffigurante la morte di Maria, la sua ascesa in Paradiso e la sua incoronazione come regina dei Cieli. Il “Portale del Giudizio”, il più recente, costruito nel centro verso il 1220. Il “Portale Sant’Anna”, situato a destra, costruito  nel 1200

-I rosoni

I tre rosoni in vetro di Notre-Dame rappresentano i fiori del Paradiso. Sono stati costruiti nel XIII secolo e poi rimaneggiati nel corso del tempo. I rosoni nord e sud, i più grandi, contano 13 metri di diametro e vi sono rappresentati, all’interno dei medaglioni, dei profeti, dei santi, degli angeli, dei re, delle scene di vita di santi… I tre rosoni presentano rispettivamente al loro centro la Vergine, il Bambin Gesù e il Cristo trionfante.

-L’organo

Fra i tre grandi organi di Notre-Dame, il grande organo, con le sue cinque tastiere, i suoi 109 tasti e più di 8.000 canne, è il più imponente. Fu costruito nel XV secolo e raggiunse la sua taglia attuale nel XVIII. Non subì danni durante la Rivoluzione Francese. Secondo le ultime notizie riportate dalle autorità francesi, l’organo avrebbe subito dei danni a causa dell’acqua, ma non avrebbe bruciato

Tutta l’area attorno a Notre Dame è transennata e vietata all’accesso.

La procura di Parigi ha aperto una inchiesta per “distruzione involontaria a mezzo di incendio”.

Notre Dame, risalente al XII secolo, è uno dei monumenti storici più visitati d’Europa ed è patrimonio dell’umanità dell’Unesco dal 1991 [la storia della cattedrale].

Tutte le foto e i video dell’incendio

Il caso delle 16 statue rimosse prima del rogo

Il presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato che la Cattedrale verrà interamente ricostruita, lanciando una raccolta fondi internazionale alla quale ha già aderito la facoltosa famiglia Pinault, proprietaria del brand del lusso Kering, che donerà 100 milioni di euro.

Dagli Stati Uniti era intervenuto il presidente Usa, Donald Trump: “Orribile vedere l’enorme incendio della Cattedrale di Notre Dame, forse gli aerei cisterna anticendio potrebbero essere utilizzati per spegnerlo. Si deve agire velocemente”, scrive Trump su Twitter.

La Protezione civile francese ha tuttavia spiegato che una procedura simile “potrebbe far collassare l’intera struttura insieme con i vigili del fuoco” al lavoro per cercare di domare le fiamme.

Notre Dame: l’incendio è divampato dal cantiere di restauro

Notre Dame: ecco perché per spegnere l’incendio non sono stati utilizzati i canadair

Incendio di Notre Dame: jihadisti ed estremisti islamici esultano