Me
HomeEsteri

Incendio Notre Dame, salve le 16 statue che vegliavano su Parigi: sono state rimosse poche ore prima del rogo | VIDEO

Di Anton Filippo Ferrari
Pubblicato il 16 Apr. 2019 alle 07:47 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 23:32
Immagine di copertina

NOTRE DAME INCENDIO STATUE – Nel tardo pomeriggio di ieri, 15 aprile 2019, intorno alle ore 18,50, un devastante incendio ha distrutto gran parte della cattedrale Notre Dame di Parigi. Fuoco che sarebbe divampato dalla zona in cui erano in corso da qualche giorno dei lavori.

notre damme statue

La guglia è crollata, ma le 16 statue di rame posizionate a ridosso si sono miracolosamente salvate. Fortunatamente, qualche ora prima che il rogo divampasse, tutte le opere (raffiguranti Gesù, i 12 apostoli e i simboli degli evangelisti) sono state rimosse e portate a terra per essere restaurate e per consentire i lavori sul tetto della cattedrale.

Incendio di Notre Dame: jihadisti ed estremisti islamici esultano

IL VIDEO DELLA RIMOZIONE DELLE STATUE DI NOTRE DAME:

Secondo il programma dei lavori, precedenti al tragico incendio di ieri a Notre Dame, le sculture in rame sarebbero dovute tornare al loro posto nel 2021.

Notre Dame: perché per spegnere l’incendio non sono stati utilizzati i canadair? Ecco la risposta

Sono invece state devastate dalle fiamme le sculture che, da sempre, vegliavano e proteggevano la cattedrale e tutta la città di Parigi. Salve “la corona di spine di Cristo e la tunica di San Luigi”, ha annunciato il rettore della cattedrale di Notre Dame di Parigi a Le Monde.

Le parole di Macron

Incendio Notre Dame: aperta un’inchiesta sulle cause

Un rogo che ha sconvolto tutti i francesi, in primis i parigini, ma anche il resto del mondo rimasto a guardare davanti alla tv le fiamme che devastavano la cattedrale. Appena dopo aver domato le fiamme, le autorità francesi hanno aperto un’inchiesta per “distruzione involontaria a mezzo di incendio”. E le polemiche non mancano.

L’incendio di Notre Dame e quella profezia di Victor Hugo: “Una grande fiamma tra i campanili”