Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Nike accusata di blasfemia dai musulmani: “Allah scritto sul fondo delle scarpe è oltraggioso”

Immagine di copertina

Migliaia di clienti musulmani hanno preteso il ritiro dal mercato delle Nike Air Max. Il motivo? Sul fondo delle scarpe è impresso un logo che ricorda il nome di Allah in arabo, un’offesa troppo grande per il popolo musulmano. Una donna, Saiqa Noreen, ha addirittura lanciato una petizione online contro la multinazionale di abbigliamento sportivo.

Noreen ha notato il dettaglio oltraggioso soltanto dopo aver acquistato le calzature Nike. Ha adocchiato il logo impresso sul fondo della scarpa, ritenendolo fin troppo simile alla scrittura araba di Allah, e non ha potuto tacere.

La donna ha così avviato una petizione online, alla quale hanno aderito migliaia di fedeli offesi dalla multinazionale americana. Noreen ha chiesto di rimuovere il modello in questione dagli scaffali, o quantomeno dai negozi distribuiti nei paesi a maggioranza musulmana, perché “è oltraggioso imprimere il nome di Dio su una scarpa”.

LEGGI ANCHE: Il velo islamico firmato Nike sbarca a Milano, al via le polemiche

“Nike ha prodotto il modello Air Max 270 con un logo sul fondo della scarpa che ricorda la parola Allah in arabo, un simbolo che verrà sicuramente calpestato, preso a calci e ricoperto di sporcizia. Tutto questo è irrispettoso ed estremamente offensivo per il popolo musulmano”, ha denunciato Noreen nella sua petizione.

“Esortiamo Nike a ritirare immediatamente questa scarpa blasfema e offensiva, e tutti i prodotti che riportino un logo simile alla parola Allah, dalle vendite mondiali”, si legge ancora nell’appello a firmare.

A sua discolpa, la multinazionale ha dichiarato che il logo in questione non è altro che una rappresentazione del marchio Nike Air Max e non presenta alcun significato religioso.

Un portavoce di Nike ha dichiarato che l’azienda “rispetta tutte le religioni”. “Il logo è stato progettato per essere una rappresentazione stilizzata del marchio Air Max e intende riflettere soltanto il marchio Air Max. Qualsiasi altro significato o rappresentazione percepita non è intenzionale”, ha sottolineato il portavoce.

Noreen ha comunque chiesto nella sua petizione che ci sia “un controllo più rigoroso prima che i prodotti vengano messi sul mercato”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale