Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 15:24
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Il Nepal diventa il primo Paese al mondo a rendere l’insegnamento dello Yoga obbligatorio a scuola

Immagine di copertina

Le lezioni di Yoga sostituiranno le ore di educazione fisica e faranno parte dei curricula scolastici insieme alla matematica e alle scienze. Ma i musulmani temono che la diffusione della pratica possa promuovere il nazionalismo indù

In Nepal l’insegnamento dello Yoga diventa obbligatorio

Il Nepal è diventato il primo Paese al mondo a rendere l’insegnamento dello Yoga obbligatorio a scuola. Dal prossimo mese, ovvero dall’inizio del nuovo anno scolastico, il piccolo Paese dell’Himalaya renderà lo Yoga una vera e propria materia d’insegnamento insieme alla matematica o alle scienze per gli studenti di tutti i gradi.

Centinaia di migliaia di alunni delle elementari e delle superiori penderanno parte ai corsi settimanali obbligatori, che si sostituiranno alle ore di educazione fisica o di svago, in cui i più piccoli erano abituati a giocare, e in cui ora apprenderanno la storia dello Yoga, la pratica dell’Ayurveda e la neuropatia, una medicina alternativa che prevede la cura autonoma di se stessi.

Il governo, guidato dal Partito Comunista del Nepal, ha dichiarato che la riforma è stata varata con l’obiettivo di promuovere tra i più giovani uno stile di vita sano e attivo. “Lo yoga è la nostra scienza antica”, ha dichiarato Giriraj Mani Pokhrel, ministro dell’Educazione nepalese. “Vogliamo che gli studenti lo imparino e pensiamo che sia il momento giusto”. Ma i musulmani temono che il vero scopo sia piuttosto quello di promuovere l’induismo, in un continente dove la pratica è intrisa di significato religioso, etnico e politico. La paura dei musulmani è che la diffusione obbligatoria dello Yoga e dei suoi rudimenti possa fare da vettore per la promozione del nazionalismo indù.

I gruppi di attivisti si oppongono in particolare all’obbligatorietà del “Saluto al sole“, una sequenza di 12 posizioni dedicata al dio Hindu Surya, che stando a quanto dichiarato dagli ufficiali del governo farà parte del nuovo curriculum. “Rendere obbligatoria una cosa così strettamente legata a una religione va contro lo spirito della Costituzione”, ha dichiarato Nazrul Hussein, ex presidente della Nepal Muslim Federation. “Non possiamo fare il saluto al sole e non bisognerebbe legare il benessere alla religione”, ha continuato.

Ganesh Bhattarai, direttore del Nepal’s Curriculum Development Center, il corpo del governo che ha sviluppato i nuovi curricula, ha risposto alle critiche affermando che alla base della riforma non c’è la volontà di favorire nessuna religione in particolare. Cantare “l’Om”, uno dei suoni più sacri del culto induista, non è parte del corso, e gli studenti potranno rifiutarsi di fare il saluto al sole se non si sentiranno a proprio agio, ha sottolineato Bhattarai.

Intanto, gli alunni si dicono pronti a iniziare le nuove lezioni. “Sono così felice per questo nuovo corso”, dice Shristi Tamang, uno studente di 14 anni, al New York Times. “Lo Yoga è l’arte di vivere”.

Leggi anche:

1.Giornata mondiale dello yoga | Perché si festeggia 2. Prende il via in Nepal il festival di Gadhimai, il più grande rito sacrificale di animali del pianeta

Ti potrebbe interessare
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Ti potrebbe interessare
Esteri / Nel Regno Unito mancano cibo e benzina, la colpa è della Brexit e nessuno lo dice
Esteri / Afghanistan, attentato esplosivo a Jalalabad: 8 morti
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo