Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Un neonato senza occhi è stato abbandonato dalla madre: Sasha cerca una famiglia che lo adotti

Immagine di copertina

Un neonato senza occhi abbandonato dalla madre cerca casa

Una storia drammatica e di speranza, quella del piccolo Sasha: il neonato senza occhi in cerca di una famiglia che lo accolga e lo faccia sentire a casa. La vicenda arriva dalla città di Tomsk, nella parte sud-occidentale della Siberia, in Russia.

Lo scorso aprile il piccolo Sasha è venuto alla luce, ma le sue condizioni di salute non erano delle migliori: il neonato, infatti, è nato con una importante malformazione. Il piccolo, infatti, è affetto da una patologia molto rara che comporta uno sviluppo anomale dei bulbi oculari.

Per il resto, Sasha è un bambino sano, non avrà altri problemi, come assicurano i medici, ma non sarà mai in grado di vedere. La mamma del piccolo, venuta a conoscenza dello stato di salute del suo bambino nell’ultima fase della gravidanza, si è vista di fronte a un problema troppo grande da affrontare. Come si legge sui giornali locali, la donna – il cui nome non è stato reso pubblico – non si è sentita in grado di crescere il figlio né di fornirgli le cure necessarie, per questo avrebbe deciso di darlo in adozione.

Il bambino, sempre secondo i media locali, soffrirebbe di una forma molto grave di sindrome di anoftalmia. Nel mondo oltre a Sasha, solo altri tre bambini sarebbero stati colpiti da questa rarissima patologia. Ma le infermiere che si prendono cura del bambino assicurano che Sasha “non è diverso dagli altri bimbi, gioca e sorride come un bambino sano”. Il piccolo è stato già sottoposto a una delicata operazione chirurgica a San Pietroburgo, dove gli sono state impiantate delle minuscole sfere oculari. Il bambino non vedrà mai, ma l’operazione si è resa necessaria per evitare che nella fase di crescita il visino del bambino possa deformarsi.

L’infermiera che ha accompagnato il piccolo Sasha a San Pietroburgo ha riferito ai media che il piccolo “ama giocare e adora nuotare, è un bambino allegro e sorride non appena sente delle voci familiari”.

Sasha al momento è pronto per essere adottato. I media russi stanno diffondendo il più possibile la sua storia affinché si faccia avanti qualcuno. Se ciò non dovesse accadere, i servizi sociali hanno riferito che si aprirà l’ipotesi di una adozione internazionale. Per ora, però, Sasha aspetta solo di trovare una famiglia che lo accolga e lo faccia crescere circondato dall’amore che merita.

Rovigo, neonato abbandonato al cimitero
Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari